LAND OF HATE – Neutralized Existence

 
Gruppo: Land Of Hate
Titolo:  Neutralized Existence
Anno: 2009
Provenienza:  Italia
Etichetta: Infernal Kaos Productions
Contatti:

Sito web  Facebook  Youtube

 
TRACKLIST

  1. Claustrophobic
  2. The Torment
  3. Murderous State
  4. Minds Devourer
  5. Neutralized Existence
  6. From The Street
  7. In The Hands Of Destruction
  8. Extreme Violence
DURATA: 28:55
 

Continua la folle corsa della formazione calabrese mai doma e dopo lo split "4 Way To Scream Your Hate", uscito sempre quest'anno, rilascia finalmente l'atteso debutto intitolato "Neutralized Existence".

Le coordinate sonore sono quelle ormai conosciute e incentrate su di un thrash-death che fa della carica e dell'impatto le sue due doti principali, nessun tipo di ricercatezza, insomma una bella botta d'adrenalina.

Disco concentrato anche nella durata visto che il tutto si svolge in quasi trenta minuti scanditi da riff spaccaossa ed escursioni soluzioni solistiche, alle volte però poco efficaci, che coinvolgono l'ascoltatore. I ragazzi continuano il loro percorso non tradendo le aspettative, picchiando come forsennati e lasciando a Marco il compito di accarezzare i nostri timpani con la sua solita veemenza.

Ci sono tre-quattro tracce in scaletta che si assestano ben al di sopra della più classica sufficienza inziando da "Claustrophobic" passando per "Murderous State" sino ad arrivare alla conclusiva "Extreme Violence", quello che invece mi chiedo è perchè una realtà simile debba trovare una etichetta peruviana per esser prodotta, le nostre riposano serenamente? A quanto pare coerenza e scelte di suono mature e prive di compromessi non bastano a coinvolgerle, lasciando così il supporto in mano a un'onesta schiera d'integerrimi appassionati.

Chi li conosce già non verrà deluso da questo primo capitolo di più lunga durata anzi ne troverà spunto per seguirne le vicissitudini future, chi invece non avesse mai avuto il piacere d'incontrarli si troverà di fronte una formazione genuina e incazzata come poche, non vi resta che ascoltare e andare di headbanging!!!

 

Facebook Comments