LENA’S BAEDREAM – Memo – Love Chronicles

Informazioni
Gruppo: Lena’s Baedream
Anno: 2010
Etichetta: Zeta Factory
Autore: Mourning

Tracklist
1. Chewin’ Razorblades
2. Equal To 0
3. Missing
4. Lover
5. Message To Jolene
6. Dawn (I Learn)
7. Attitude To Cry
8. You Got Pills, I Got Speed
9. Wormhole +
10. D
11. Overture

DURATA: 40:04

Rock? Molti si son dimenticati cosa sia, troppo influenzati dalle classifiche di vendita o da gente che riuscirebbe a vendere il proprio nipote cercando d’imporlo al pubblico come il nuovo Elvis Presley o Jim Morrison, abbiamo davvero bisogno di chi c’è già stato o è giusto pensare che le band odierne debbano mostrare almeno un minimo di personalità?
Propendo per la seconda ed è per questo che più si sta lontani dall’attitudine Mtv è meglio e, con questo non intendo dire che non si possa essere commerciali e gradevoli, basta non rimanere incollati a un modo di suonare che sia per forza celofanato e infiocchettato.
I Lena’s Baedream, formazione parmense, rientrano in tale categoria, pur avendo tutte le caratteristiche da belli e dannati adatte al pubblico dei grandi (ma non sempre importanti come effettivo responso) palchi, con “Memo – Love Chronicles” attenendosi a un modo prettamente catchy d’approcciarsi al rock godono di quella cosa che chi ascolta dovrebbe ricercare come priorità: LA MUSICA.
Il punto fondamentale del loro operato è: l’album contiene delle vere canzoni.
Composte con stile e personalità, alternando passaggi puramente classic ad altri tendenti al punk/rock moderno a altri ancora che ricordano la piovosa Seattle, non si fanno mancare proprio nulla evitando però di fare il verso a chi ha scritto le pagine storiche del genere.
Com’è successo per act quali Bush o Silverchair (seppur d’istinto e venature naturalmente non del tutto similari) ci troviamo dinanzi un platter maturo che spicca per quanto riguarda il lato emotivo, colpisce dritto dove fa male con un’accoppiata “Lover”/”Message To Jolene” adrenalinica e malinconica allo stesso tempo, pienamente coglie quell’altalena di sensazioni che in un qualsiasi rapporto d'”Amore” s’instaura involontariamente come il battito del cuore, c’è poi da dire che di tracce come “Chewin’ Razorblades” o “Attitude To Cry” non ci si stanca facilmente, si lasciano ascoltare e riascoltare rilassando terribilmente bene.
Non contenti del buon lavoro svolto si saran detti perché non inserire una cover? Certo la scelta fatta non è delle più semplici e già questo merita rispetto, fornire propria verve e forma al singolo “Missing” degli Everything But The Girl, il duo inglese che nel 1994 con “Amplified Heart” scalò le classifiche di vendita e di continuo impazzò sulle piste delle discoteche nella versione remix del dj Todd Terry, è decisione azzardata ma l’operazione è pienamente riuscita.
La versione dei Lena’s Baedream spinge a dovere riuscendo a coniugare l’atmosfera del rock con la soffusa inappariscenza del pezzo originale, a conti fatti semplicità che si nutre di se stessa mutando solo nell’uso dello strumento che n’esegue la partitura.
Potrei dilungarmi parlando della produzione pulita ed equilibrata o delle prove dei singoli che hanno poco o nulla di cui ci si possa lamentare, onestamente preferisco fermarmi qui e consigliare l’unica cosa possibile e di sicuro la più giusta per dare valutazione al lavoro svolto: l’ascolto.
“Memo – Love Chronicles” non ha bisogno che altre parole vengano spese a suo elogio, andate sul myspace dei Lena’s Baedream per un assaggio e se vi dovesse piacere non vi resterebbe che mettere la mano in tasca e comprarlo!!!

Facebook Comments