LIK – Lekamen Illusionen Kallet

LIK – Lekamen Illusionen Kallet

 
Gruppo: LIK
Titolo:  Lekamen Illusionen Kallet
Anno: 2007
Ristampa: 2010
Provenienza:  Svezia
Etichetta: Frostcald Records
Contatti:

Facebook  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. I Tidens Ande Ar Det Tron Som Bestar
  2. Rod Puls
  3. Vredens Trolldom
  4. Visioner Om En Odslig Framtid
DURATA: 24:27
 

Con questo "Kapitel III", al secolo "Lekamen Illusionen Kallet", terzo capitolo della discografia dei LIK, si chiude il cerchio per quanto riguarda l'opera di ristampa del gruppo da parte della Frostcald Records con le conseguenti nostre recensioni.

Il buon Mourning ci aveva già addentrato nel progetto solista di Graav, sottolineandone il fattore fruibilità e coinvolgimento elementare. E proprio da questi elementi si riparte anche in questo brevissimo album, dove il black metal vero e proprio è ridotto all'osso (ricordo che Graav era fra le menti degli Armagedda) in favore di un'aura oscura ora di stampo più folk, ora più rock oriented.

L'accoppiata iniziale composta da "I Tidens Ande Ar Det Tron Som Bestar" e "Rod Puls" ci offre immediatamente pregi e difetti di questo disco. Se nella prima infatti il mood quasi pagano riesce a rapire a livello emotivo l'ascoltatore, forte anche di una buona base ritmica valorizzata dalla produzione nitida, nel secondo caso invece semplicità viene a coincidere con minimalismo eccessivo, con una voce sussurrata che fa capolino talvolta ma senza lasciare il segno mentre la parte strumentale si trascina stancamente sino alla conclusione.

La seconda parte dell'album ripresenta la stessa struttura con un pezzo interessante enfatizzato da vocals calde e profonde, dove trova spazio anche un riff spiccatamente black ("Vredens Trolldom"), seguito da uno anonimo ("Visioner Om En Odslig Framtid") in cui il riffing si fa dilatato e allungato, portandomi alla mente il lavoro delle Gallhammer, ma senza che vi siano guizzi particolari.

In tutta sincerità mi viene difficile promuovere "Lekamen Illusionen Kallet": se alle mie critiche tecniche aggiungiamo un minutaggio risicato degno di un gruppo grind e la bocciatura di ben il 50% delle tracce allora la cosa appare praticamente impossibile. Il ritorno in azione del gruppo potrebbe però portare ad un superamento dei difetti citati, nel caso restate sintonizzati.

Facebook Comments