LINGUASERPENTE – Anachronistic Futuristic – Aristocrazia Webzine

LINGUASERPENTE – Anachronistic Futuristic

Gruppo: Linguaserpente
Titolo: Anachronistic Futuristic
Anno: 2020
Provenienza: Italia
Etichetta: Shove Records / The Fucking Clinica Records
Contatti:  Facebook  Youtube  Bandcamp  Instagram
TRACKLIST

  1. Anachronistic Futuristic
  2. Splitted
  3. Good Buy My Friends
  4. Revolution At 45
  5. The World Is A Monster Cake
  6. Suspected Rebel
DURATA: 15:58

Nati nel 2019 nella Marca Trevigiana, i Linguaserpente sono un progetto giovane ma assolutamente non alle prime armi. Il quartetto, infatti, è composto da membri ed ex di tutta una serie di formazioni che vanno a coprire buona parte dello spettro della musica underground: si va dal punk hardcore degli Smart Cops al noise-doom dei Kirlian, dallo screamo dei Bluid alle sperimentazioni elettroniche dei Ninos Du Brasil, passando per l’hardcore venato di post-punk dei seminali With Love. Un pedigree di tutto rispetto, che crea non poche aspettative.

I sei brani che compongono Anachronistic Futuristic rappresentano il debutto per la formazione veneta. Uscito nell’ottobre dello scorso anno grazie alla collaborazione tra il gruppo stesso e due realtà do it yourself come Shove Records e The Fucking Clinica Records, il disco si presenta in un formato vinilico piuttosto insolito per un EP di nemmeno sedici minuti: si tratta di un one sided LP, impreziosito nel lato non inciso da una serigrafia di Officina Infernale che va a riprendere alcuni elementi dell’artwork di copertina, opera del musicista e artista britannico Nicky_rat.

Parlando di musica, i Linguaserpente non deludono le aspettative di partenza, anzi. Il loro è un suono caleidoscopico, caldo ed emotivo, figlio di quelle compenetrazioni reciproche tra post-hardcore e noise che segnarono i primi anni Novanta, ma non per questo privo di una propria anima. Grazie a un eccellente lavoro di scrittura, ognuno dei sei episodi è in grado di sorprendere l’ascoltatore con combinazioni e incastri imprevedibili tra sezioni più lineari, caratterizzate da un riffing che riesce a essere piacevolmente complesso, e sfuriate caotiche. Anche la voce gioca un ruolo non secondario nella costruzione dei brani, alternando il cantato pulito, che in alcune occasioni muta in parlato, a momenti di urlata sofferenza. Un buon esempio è rappresentanto da “Good Buy My Friend”, i cui passaggi più compassati vengono sottolineati dall’uso dei cori.

I Linguaserpente dimostrano di sapere il fatto loro e, vista l’esperienza alle loro spalle, sarebbe stato imperdonabile se non fosse così. Anachronistic Futuristic è un piacevole assaggio di ciò che il gruppo è in grado di fare, un ottimo EP che trasuda emozioni e arriva diretto al cuore di chi lo ascolta.