MALEVOLENT CREATION – Retribution

 
Gruppo: Malevolent Creation
Titolo: Retribution
Anno: 1992
Provenienza: U.S.A.
Etichetta: R/C Records
Contatti:

Facebook  Twitter  Youtube  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Eve Of The Apocalypse
  2. Systematic Execution
  3. Slaughter Of Innocence
  4. Coronation Of Our Domain
  5. No Flesh Shall Be Spared
  6. The Coldest Survive
  7. Monster
  8. Mindlock
  9. Iced
DURATA: 34:09
 

La formazione dei Malevolent Creation, capitanata dallo storico chitarrista Phil Fasciana, è una delle più conosciute e fra le più valide di quelle storiche ancora in attività. Se adesso ci delizia ancora con oneste prove di death metal, all'inizio della carriera ci donò invece vere e proprie perle, tra le quali spicca quello che ritengo sia il loro album più rappresentativo: "Retribution".

Il disco in questione è una prova che dalla prima all'ultima nota non accenna a mollare la presa, non vi sono cali o incertezze, è un'uscita composta da nove brani che colpiscono come pugni in pieno viso. È impossibile non essere presi dalla vena prettamente di matrice thrash che dà la carica alle loro basi (Alex Marquez dietro le pelli e Jason Blachowiz al basso), per non parlare del lavoro delle due asce sempre perfetto e solisticamente grezzo al punto giusto (difficile trovare un'accoppiata valida come quella formata dal duo Fasciana-Barrett) e con un Brett Hoffman dietro il microfono che con la sua vocalità cantilenante e graffiante cerca in tutti i modi di far sanguinare i nostri poveri timpani.

Ci si ritrova così pienamente assorbiti da pezzi come "Systematic Execution" (inizio subito al fulmicotone con tanto di assolo da orgasmo), "Coronation Our Domain" (impreziosito dalla partecipazione in fase solistica di James Murphy), il sostenuto "Monster" (dove echeggia il growling più profondo di Brett) e coinvolti da fasi a rilento e accelerate improvvise e folli che esprimono al meglio la corposità di quest'opera.

È inutile dilungarsi: "Retribution" è un album che ogni buon ascoltatore del genere deve obbligatoriamente conoscere, un'opera imperdibile, questa è storia!

 

Facebook Comments