MASS BURIAL – Breeding Plagues

 
Gruppo: Mass Burial
Titolo: Breeding Plagues
Anno: 2017
Provenienza: Spagna
Etichetta: Immortal Souls Productions
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Intro
  2. Breeding Plagues
  3. I Must Remain Awake
  4. Cyanide
  5. Premature Inhumation
  6. Necromancer
  7. Age Of Blasphemy
  8. Flesh
  9. Redemption Through Suffering
  10. Gutted Alive
  11. Hell
DURATA: 41:49
 

Avevo perso di vista da un po' gli spagnoli Mass Burial. Dopo averne recensito il debutto "Of Carrion And Pestilence" (2012), ho praticamente saltato le uscite successive, l'EP "Gangrene Hymns" (2013), il secondo album "Soul's Necrosis" (2015) e lo split con i malesi Humiliation "Surrounded By Cadavers / Warfield" (2016). Mi sono così ritrovato fra le mani direttamente il terzo lavoro "Breeding Plagues", rilasciato nel 2017 per Immortal Souls Productions.

La mia personale speranza era quella di avere a che fare nuovamente con una creatura dall'immutata vocazione old school e dal carattere derivativo quanto gradevole e tale richiesta pare sia stata pienamente accolta. I Mass Burial hanno mantenuto fede alle aspettattive in tutto e per tutto, proponendosi con il più classico dei suoni e le più classiche delle soluzioni stilistiche, attingendo senza tregua dai nomi che hanno reso grande la scena death metal svedese degli anni Novanta (inutile ripeterli all'infinito), mostrando di celebrare quel periodo con convinzione e buon metodo compositivo. In pratica, nulla di nuovo all'orizzonte, come del resto anche in passato, ma che goduria all'ascolto!

Brani quali "Cyanide", "Premature Inhumation", "Necromancer", "Flesh" e "Hell" si elevano ben oltre la sufficienza con dosi di groove e melodia ben innestate, rallentamenti e accelerazioni piazzati con oculatezza. I Mass Burial e "Breeding Plagues" sono un'accoppiata ortodossa facilmente amabile, compresa la cover di Juanjo Castellano, che si sposa idealmente con la visione anni Novanta della band.

Death metal per chi vive di death metal.

Facebook Comments