MASS OBLITERATION – Fratricide

MASS OBLITERATION – Fratricide

Informazioni
Gruppo: Mass Obliteration
Anno: 2009
Etichetta: Autoprodotto
Contatti: www.myspace.com/massobliterationdeathmetal
Autore: Mourning

Tracklist
1. Mashom
2. The Remains Of Hate
3. Nekare
4. Lathe Biosas

DURATA: 16:24

MASS OBLITERATION - Fratricide I Mass Obliteration sono una delle tante realtà che si muovono silenziosamente nell’underground italico, autori di due demo, hanno pubblicato l’ultimo di questi, “Fratricide”, nel 2009.
Le influenze dei due continenti fondamentali del movimento death/grind (America/Europa) all’interno del sound sono evidenti come palesi sono i rimandi a band che ormai non c’è bisogno più neanche di tirare in causa, fatto sta che i quattro ragazzi di Gaeta in sedici minuti hanno il merito d’aver concentrato lo sforzo creando un mini-platter coinvolgente.
Cosa manca? Non molto per divenire un act di buon livello, certo se avessero avuto altra provenienza probabilmente un contratto come si deve sarebbe già finito fra le loro mani, brani come “Mashom” e “Lathe Biosas”, quelli che reputo più riusciti, sono delle piccole chicche, mostrano potenza espressiva, riffing serrato, un drumming primordiale non perfetto come esecuzione ma realmente affine alla mentalità death vecchio stampo dove contava ancora possedere un carattere proprio e non un click al posto del cervello e un songwriting che pur non innovativo (quanti possono affermare di esserlo evitando le spacconate che sempre più spesso si leggono in rete?) svolge il proprio lavoro.
I testi privi di scontatezze e lucidi nell’esporre tematiche sociali sono un punto a favore ma è arrivato il momento di fare il dovuto salto di qualità, se una label non guarda (e la cecità è in aumento nel settore) serve rimboccarsi ancora una volta le maniche e autoprodursi un full confermando con una prova di spessore e durata maggiore il buon risultato di “Fratricide”.
In attesa di questo v’invito ad ascoltare il demo dei Mass Obliteration sperando di avere notizie fresche al più presto, bisogna battere il ferro finchè caldo!

Facebook Comments