MASTABAH – Quintessence Of Evil

MASTABAH – Quintessence Of Evil

Informazioni
Gruppo: Mastabah
Anno: 2010
Etichetta: Wyrm Records
Autore: Mourning

Tracklist
1. Shithole
2. Human Gut
3. Hunger
4. The Show
5. Revelation
6. Blind
7. Humanity Is A Lie
8. Fleshart
9. Rotting Reality

DURATA: 31:57

Nati musicalmente nel 2004, con un demo e l’ep “Purity” del 2007 alle spalle, nel mese di gennaio I Mastabah hanno pubblicato il primo album “Quintessence Of Evil”.
Quando si parla di band polacche il deja vu è quasi una costante non per questione di mancanza di personalità ma per l’imponenza di un trademark che ha fatto scuola anno dopo anno conquistando sia il mercato che i musicisti.
Un naturale assorbire che in parte ha coinvolto questo lavoro dove echi di Vader e Azarath attraversano il sound ammorbati da passaggi rimembranti la blasfemia naturale condotta da alcune soluzioni di casa Morbid Angel.
Il disco vanta brani di una potenza ed efficacia considerevole come “Revelation”, “Human Gut”, “Humanity Is A Lie” o la conclusiva “Rotting Reality” che forti di un songwriting al di sopra della media per capacità di variare e trovare aperture inaspettate colpisce positivamente.
Il cantante tiene bene i pezzi diversificandosi fra growl profondamente gutturale/screammato e una via di mezzo fra i due, cosa che apporta una dose di malsano aggiuntiva.
Se a quanto avete già letto aggiungete il fatto che possiedono un batterista con le contropalle sia quando tiene ritmi lenti sia quando decide di percuotere il rullante con violenza e velocità, l’unica cosa che verrebbe da dire è: un centro perfetto.
C’è un però: la produzione affossa i brani.
E’ troppo ovattata, non permette la loro piena “esplosione” ed è un reale peccato non poter apprezzare i citati e il resto del platter a pieno regime in quanto risulterebbero devastanti a dir poco.
I Mastabah e “Quintessence Of Evil” ci regalano una prima prova che avrebbe potuto veramente collocarsi già da ora fra i migliori dischi dell’anno, sperando che nel prossimo lavoro non ci sia tale pecca a limitarne il potenziale non mi resta che consigliarvi comunque l’ascolto del suddetto.
Hanno una marcia in più a prescindere e magari ascoltandoli avrete piacere nel continuare a seguirne le vicende.

Facebook Comments