MISTY MORNING – Saint Shroom

 
Gruppo: Misty Morning
Titolo: Saint Shroom
Anno: 2011
Provenienza: Italia
Etichetta: Doomanoid Records
Contatti: Sito web  Facebook  Bandcamp
 
TRACKLIST

  1. Saint Shroom
  2. Jellotron
DURATA: 22:14
 

Per una serie di motivi che al lettore non interesseranno minimamente, la recensione di "Saint Shroom" arriva con due anni di ritardo rispetto alla data di uscita di questo maxi singolo, presentato sotto forma di 12", rilasciato dalla britannica Doomanoid Records. Il gruppo in questione sono i nostrani Misty Morning che, dopo un buon EP datato 2008 ("Martian Pope") hanno sfornato nel 2011 il disco qui trattato, apripista per l'album di debutto e linea di raccordo tra il passato e ciò che allora era il presente della band.

"Saint Shroom" si apre con un'introduzione scura, a breve soppiantata da un Heavy Rock robusto con un sottofondo di sintetizzatori e movenze elettroniche settantiane (non faticherete a ritrovare echi di un album come "Sabbath Bloody Sabbath"). Il ritmo pian piano rallenta fino a sfociare in un Doom tenebroso, contornato da digressioni astrali e accompagnato dalla versatile voce di El Brujo Luke, la quale nei momenti più ruvidi pare un incrocio tra Phil Anselmo, Zakk Wylde e Lee Dorrian. Il brano si dipana con maestria tra influenze molteplici e umori cangianti, rappresentando infine un affresco sfumato da molti colori che, nell'insieme, formano un'immagine decisamente interessante. Cambia un po' il registro con "Jellotron", episodio risalente al 2009. Quest'altra faccia dei Misty Morning è infatti votata maggiormente a un Doom granitico e muscolare che prende i Cathedral come indiscutibile pietra di paragone. Vengono comunque mantenuti alcuni punti di contatto con la materia più psichedelica e progressiva sviscerata dalla precedente "Saint Shroom", dimostrando così come il processo di evoluzione e personalizzazione dello stile fosse già iniziato ben prima dell'entrata di Rejetto (colui che si occupa ora della parte elettronica) nel 2010. Va comunque annotato come, nel complesso, "Jellotron" si dimostri lievemente più compatta ed efficace della traccia che la precede.

Non abbiamo ancora alcuna notizia certa riguardante l'uscita del debutto a cui il presente "Saint Shroom" avrebbe dovuto fare da apripista, ma siamo sicuri che in casa Misty Morning non si stiano girando i pollici e quindi resteremo sintonizzati. Nell'attesa, godiamoci quanto fatto finora dal quartetto nostrano… e che il Santo Fungo sia con tutti noi!

Facebook Comments