Mondocane - Dvala | Aristocrazia Webzine

MONDOCANE – Dvala

Gruppo: Mondocane
Titolo: Dvala
Anno: 2021
Provenienza: Svezia
Etichetta: Fallen Temple
Contatti: Facebook  Bandcamp  Spotify
TRACKLIST

  1. Blinding
  2. Sister Of Night
  3. Daeth
  4. No Signal
  5. All The Way Down
  6. Father
  7. Mythe
  8. Dvala
DURATA: 38:55

Leggendo Mondocane, le prime cose che vengono in mente sono la famosa serie di documentari disturbanti e il bellissimo progetto di bel canto di Mike Patton. Dallo scorso anno, Mondocane è anche un gruppo black metal di Stoccolma, le cui informazioni a riguardo sono pressoché nulle e che dopo il primo EP Mondocane ha dato alla luce questo Dvala; seguito dal secondo disco Gloria, di cui però non parlerò qui.

Dvala (torpore in svedese) include le tre tracce uscite sull’EP citato e chiunque si celi dietro questa band non fa certo mistero del proprio apprezzamento per il metallo nero di una volta, nonostante la criptica copertina. Riff succosi e inflessibili figli della miglior tradizione sono gli assoluti protagonisti nella musica dei Mondocane, mentre i brani sono pressoché omogenei nelle loro strutture ma si alternano tra mid-tempo incessanti (“Sister Of Night”, “Father”) e momenti più veloci (l’iniziale “Blinding”, “All The Way Down”)

A suo modo, Dvala riesce a essere anche catchy nonostante l’aderenza a certi stilemi sia un po’ croce e delizia delle composizioni, che a tratti sembrano trascinarsi un po’ per le lunghe, molto simili a se stesse; e non solo, “Daeth” è pericolosamente simile a “Jesus’ Tod”. A fare da contraltare ai brani più standard ci sono un paio di intermezzi, brani di passaggio con un uso interessante di sintetizzatori che spezzano un po’ il mood generale del disco, mentre la title track in chiusura è a tutti gli effetti un pezzo ambient.

Nell’atipica situazione in cui un disco recensito ha già un seguito, posso dire che Dvala è un’opera assolutamente godibile anche se a volte c’è la sensazione di avere qualcosa più in sottofondo che altro. Da quel poco che ho ascoltato di Gloria, però, pare che i Mondocane abbiano ben sviluppato gli aspetti positivi qui presenti: una buona motivazione per ascoltarlo interamente, e magari scrivere anche di quello.