MONKEY RANCH – Alone

 
Gruppo: Monkey Ranch
Titolo: Alone
Anno: 2017
Provenienza: Italia
Etichetta: Red Cat Records
Contatti:

Facebook  Youtube

 
TRACKLIST

  1. Butcher
  2. Without Chains
  3. Danny Boy
  4. Freedom
  5. Renegade
  6. Unhappy Stories
  7. Picture Of You
  8. Dance Of The Witch
  9. Remember Me
  10. This One
DURATA: 45:57
 

Se non sapessi che i Monkey Ranch hanno iniziato a muovere i primi passi nel 2012, penserei proprio che questi nostri connazionali provengano da quel di Seattle nel periodo d'oro del grunge. Il quartetto pistoiese suona letteralmente a stelle e strisce e "Alone" ha quel sapore malinconico, accattivante e vario del quale il mondo musicale della città piovosa ci ha spesso fatto dono.

Alice In Chains, Soundgarden e Pearl Jam sono la base sulla quale si muovono i tre quarti d'ora di un disco che oscilla tra territori settantiani e blueseggianti e la scena post-grunge, psichedelica e con accenni di suono desertico e country: è il caso dei brani "Butcher", "Danny Boy", "Freedom", "Unhappy Stories" e "Dance Of The Witch", all'interno dei quali è impossibile non riconoscere il peso delle influenze e degli ascolti maturati nel corso degli anni dalla band e in cui le reminiscenze di un passato dal punk più imponente ("Picture Of You") si fanno sentire energicamente. Il tutto è, però, contraddistinto da una certa abilità nell'impastare e tracciare un modello rock magari non personalizzato più di tanto, ma in grado di far trapelare la passione che ne guida le gesta dal primo all'ultimo secondo.

"Alone" è nostalgicamente bello e i Monkey Ranch (il nome della band non sa tanto di Foo Fighters: Monkey Ranch, Monkey Wrench? Solo una congettura?) portano alla mente i pomeriggi trascorsi a copiare e scambiare TDK, Basf e Maxell, cassette colme di materiale che dava l'occasione di scoprire ogni giorno un pezzo di quel fantastico panorama di artisti che fanno parte di ciò che adoro ascoltare. A quanto pare il mio stereo si è fatto un nuovo amico. Che sia lo stesso per molti di voi? Ve lo auguro.

Facebook Comments