MOON RELAY – Moon Relay

 
Gruppo: Moon Relay
Titolo: Moon Relay
Anno: 2014
Provenienza: Norvegia
Etichetta: Fysisk Format
Contatti:

Facebook  Soundcloud

 
TRACKLIST

  1. """"S
  2. ////////L
  3. ////_
  4. `´`´`´`´`´/
  5. ::……-_-_//#1
  6. ^==X´´
  7. '''''´´´“““`2
  8. –>–>
  9. ,,,,,,v,,,,,,
DURATA: 39:25
 

Quello della musica rock strumentale è un mondo strano, a volte può annoiare dopo pochi minuti, mentre a volte riesce a suscitare interesse per l'intera durata di un album. Senza l'elemento umano della voce, il rischio di creare un certo distacco con l'ascoltatore è infatti sempre dietro l'angolo. Quando il disco in questione non ha nemmeno dei veri e propri titoli, almeno nel senso pronunciabile del termine, la faccenda si fa complessa.

I Moon Relay sono un quartetto norvegese che, a differenza della gran parte delle band loro connazionali che passano sulle nostre pagine, non ha niente a che vedere con il metal. Dopo svariate esibizioni dal vivo soprattutto per il pubblico locale, il loro debutto ufficiale su disco è arrivato nel marzo 2014 con il supporto dell'etichetta di Oslo Fysisk Format.

Da subito è possibile riconoscere degli echi provenienti dalla musica rock sperimentale anni '70 (Neu! per fare un nome), man mano che si va avanti diventa sempre più evidente l'immagine di un gruppo che fa dell'improvvisazione un elemento cruciale, senza però ignorare le solide strutture che ne fanno da sfondo. I (non) nomi dei brani non aiutano molto nella localizzazione di momenti particolari di un disco che è pensato per essere esperito come un insieme, una performance continua. Qualche effetto elettronico fa capolino qua e là, arricchendo l'atmosfera e aggiungendo altri motivi di interesse a un lavoro che si lascia ascoltare con grande piacere.

Se siete appassionati di art-rock (una delle definizioni più spinose di sempre), o semplicemente di rock strumentale che non sia post- (cosa abbastanza rara di questi tempi), dovreste decisamente dare una chance ai Moon Relay. Potrebbero fare al caso vostro anche se voleste scoprire nuove cose norvegesi che non sappiano di metal.

Facebook Comments