MORBID DARKNESS – Walpurgis Rites

 
Gruppo: Morbid Darkness
Titolo:  Walpurgis Rites
Anno: 2009
Provenienza:  Canada
Etichetta: S8N Recordings
Contatti:

Sito web

 
TRACKLIST

  1. Walpurgis Rites
  2. Defender/Pretender
  3. The Rampant Collapse
  4. Dwell And Rot In Your Mire
  5. A Darkness Up Above
DURATA: 19:29
 

I Morbid Darkness vivono grazie alla figura carismatica di Demonic Evocator (Chris Shaver) e fra le realtà underground ancora in attività nella scena canadese risultano essere fra le più longeve. Fondati nel 1999, nei primi cinque anni produssero del buon materiale racchiuso in tre lavori: "Demo #1", "Rehearsal 12/93" e "Return From Death". Dal 1994 in poi la band rimase in un limbo che la tenne bloccata sino a quando nel 2008 riprese le attività e nel 2009 vengono pubblicati i demo "Demonchrist" e "Walpurgis Rites" oltre be due raccolte contenenti il vecchio materiale a titolo "Years Of The Lost: Volume 1 & 2".

È di "Walpurgis Rites" che ho avuto il piacere di ricevere una copia, la musica in toto e le liriche, per la loro maggior parte, sono opera proprio di Demonic Evocator, in quelli che sono cinque solidi brani di black-death per la durata di poco meno di una ventina di minuti.

Il suono che scandisce la vocazione nera del suo artefice è legato per scelte sonore alla scuola svedese primordiale, un suono nel quale il riffing gelido e tagliente si abbina all'avvicendamento di partiture vocali growl/scream intense e dilanianti.

La traccia che dà titolo al lavoro, "Defender/Pretender" ridondante e maligna, "The Rampant Collapse" thrasheggiante e spaccaossa, la breve pausa strumentale con apertura acustica regalataci con "Dwell And Rot In Your Mire" sono validi episodi, ma la vera chicca è a mio avviso l'episodio più nordicamente legato a un certo tipo di sonorità melodiche della vecchia scuola: "A Darkness Up Above". Una canzone che varia spesso passando dal tratto cullante gelido, all'ampio e possessivo con l'apice prettamente di stampo heavy riscontrabile nella fase solistica al suo interno.

L'underground è vivo, le vecchie realtà continuano nel fornire il loro apporto per coerenza e i Morbid Darkness sono di sicuro fra queste, per chi non li conoscesse un ascolto è loro dovuto.

Facebook Comments