MORBO – Addiction To Musickal Dissection

MORBO – Addiction To Musickal Dissection

 
Gruppo: Morbo
Titolo:  Addiction To Musickal Dissection
Anno: 2014
Provenienza: Italia
Etichetta: Memento Mori
Contatti:

Facebook  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Abominangel (Let Them Stink Of Fear)
  2. Decomposmopolitan
  3. Pagan Seducer
  4. Dawn Of The Dying Living
  5. Kaleidoscopic Incubus
  6. Rending The Ephemeral Veil
  7. As Sharp As The Blade Of Blasphemy
  8. Anesthesia Awareness
DURATA: 31:35
 

Morbo è la seconda formazione italiana sotto Memento Mori che vi presento su queste pagine. I laziali calcano la scena oramai dal 2009: riusciranno a convincerci con il loro debutto?   

La prima traccia intitolata "Abominangel" ricorda con il suo impatto diretto nomi conosciuti delle vecchie scuole Death e Grind. Questi richiami confermano la prima impressione ricevuta contemplando la riuscita copertina disegnata da Adam Meyer, artista che ha già lavorato per altri gruppi come Acid Witch e Hooded Menace. Una volta che avrete il CD, potrete godervi il lavoro in tutta la sua bellezza, aprendo il libercolo che si trasformerà in un mini-poster.

Torniamo alla musica dei Morbo. "Addiction To Musickal Dissection" si evolve nel suo corso dalle tracce veloci e dannose per le cervicali presenti nella prima metà a quelle più lente e grevi della seconda. Cito a questo proposito gli Autopsy come nome di riferimento: i laziali sembrano essere particolarmente influenzati dalle parti più pesanti e soffocanti sentite nei classici della truppa statunitense, senza comunque dimenticare di inserire un tocco proprio e qualche passaggio più celere. La manina di Reifert e compagni si nota anche nell'esecuzione degli assoli di chitarra. Ascoltando il furioso fanalino di coda "Anesthesia Awareness", noterete che i Morbo sembrano curiosamente riprendere anche qualche nota Stoner.

Rinuncio a sprecare tante parole, perché i fatti li forniscono già i Morbo. Per rispondere alla domanda iniziale, vi dirò sì: i laziali convinceranno anche voi, sempre che il Death di fine Anni Ottanta vi garbi.

Facebook Comments