MORGUE – Flames And Blood

MORGUE – Flames And Blood

Informazioni
Gruppo: Morgue
Anno: 2010
Etichetta: Self Released
Autore: Mourning

Tracklist
1. Intro
2. Incinerate The Crucified
3. I Walk A Path Of Carnage
4. Destinée Funeste
5. Mater Dolorosa
6. La Forêt Des Empalés
7. To Below, We Belong
8. Par Le Sang, Par La Haine

DURATA: 40:09

MORGUE - Flames And Blood I Morgue, band canadese dal monicker di sicuro poco innovativo visto che è già stato usato più e più volte nella storia del metal, dopo un buon demo nel 2007 e un’esibizione live in terra natìa (il Quebèc) da cui è stato partorito un Dvd, escono allo scoperto con il primo full completamente autoprodotto.
“Flames And Blood” è una di quelle produzioni che coniugano una vena prettamente death imbastardendola con sonorità black che rendono oscuro quanto maligno il sound, una delle caratteristiche classiche delle band canadesi è quella di possedere una propensione melodica accattivante che spesso impreziosisce le release e anche in questo caso la regola viene adottata e confermata.
I brani sono delle vere sfuriate, spicca il lavoro di chitarre composto da Iron e Maimed, un riffato cattivo e che non si espone a deja vù di richiamo, non si lasciano sfuggire l’occasione di sfruttare la dote che meglio rappresenta il loro modo di creare le canzoni dove la versatilità e i cambi di stile continui forniscono una marcia in più ai pezzi.
Le melodie incastonate già dall’iniziale “Incinerate The Crucified”, “I Walk A Path Of Carnage” (presente nel breve solo di stampo svedese) o in una “Destinée Funeste” che sembra uscita dalle lande nordiche anni Novanta, abbelliscono e caratterizzano il sound dei Morgue, reso ancor più incisivo dalla prestazione vocale di un Goliatt sicuro e capace di muoversi su linee vocali varie e studiate a pennello sia in fase di growling profondo sia nello screaming raschiato.
“Mater Dolorosa” così come “To Below We Belong” o “Par Le Sang, Par La Haine” non fanno che riprovare quanto la formazione canadese sia in spolvero e capace di giocare in un ruolo che si pone a ponte fra il death e il black, pescando indistintamente da entrambi e ricavandone soluzioni gradite ed efficaci.
Le basi curate da Funeste al basso e Panzer alla batteria non mancano d’esser terremotanti o allungate a dar respiro a seconda dell’esigenza senza perdere mai contatto con l’aria che intendono trasmettere. Dinamicità e potenza sono qualità importanti ma che purtroppo in certi casi vengono limitate da una messa in ombra del basso tendente a scomparire in alcuni seppur sparuti casi, la produzione ha in sé quest’unico difetto, il resto della strumentazione e la voce risultano equilibrati e con volumi calibrati nella giusta maniera.
I Morgue con “Flames & Blood” dimostrano di possedere le carte in regola per farsi apprezzare, il disco non è innovativo, il mercato musicale è inondato da prodotti del genere ma è la qualità della proposta a far la differenza e i ragazzi stanno di un bel po’ sopra la media, quindi se vi piace il death/black una bella passata nel vostro stereo vi tocca.

Facebook Comments