MOTHER MISERY – Deadication

MOTHER MISERY – Deadication

 
Gruppo: Mother Misery
Titolo: Deadication
Anno: 2015
Provenienza: Svezia
Etichetta: Transubstans Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Soundcloud  Youtube  Last.fm

 
TRACKLIST

  1. Scars
  2. Killing Me
  3. Never Again
  4. Kerosene
  5. If Only I Had Know
  6. Wake Up And Scream
DURATA: 23:41
 

Cinque anni or sono ebbi modo di recensire il disco della maturità dei Mother Misery, quello "Standing Alone" che mi fece una gran compagnia in quel periodo e non solo, coniugando hard-rock e tratti alternative metal. Dopo cinque anni ecco che gli Svedesi riprendono il largo all'interno dei miei ascolti, con una nuova uscita intitolata "Deadication".

Per minutaggio e numero di pezzi siamo di fronte a un ep più che a un vero e proprio album, si tratta infatti di quasi venticinque minuti di musica suddivisa in sei capitoli. Il quartetto guidato dalla voce del carismatico cantante e chitarrista John Hermansenche non stenta, non zoppica e soprattutto si conferma abile nell'instillare all'interno dei brani una certa dose di melodia infettiva e quel ritornello di presa che fa centro sin dal primo colpo. Tali caratteristiche raggiungono l'orecchio sin dalle note iniziali dell'apertura "Scars" e vengono ottimamente ripresentate in "Never Again".

Gli Scandinavi sono comunque capaci di mettere a segno punti anche quando il pezzo diviene più vibrante e ricco di ottani (la grassa forma della già citata "Never Again" ne è una prova) o ritmicamente vario (tenete in considerazione "Kerosene", dove il batterista Jimmy Lindbergh fa la voce grossa). Non manca infine nemmeno la canzone in cui l'emotività del gruppo viene impressa a fuoco e la parte più struggente del suono si ritaglia un'area vitale maggiore, sto parlando della semi-ballata "If Only I Had Know".

"Deadication" è semplice quanto efficace, la proposta dei Mother Misery mantiene difatti intatta la qualità mostrata in antecedenza, rendendosi però ancora più appetibile a un largo spettro di ascoltatori e a una programmazione radiofonica continua. Seppur in Italia la veda durissima, di certo non mancano loro le hit per raggiungere tali obbiettivi.

 

Facebook Comments