MY DARKEST FURY – Hectic Existence

 
Gruppo: My Darkest Fury
Titolo: Hectic Existence
Anno: 2014
Provenienza: Russia
Etichetta: Satanath Records / Rebirth The Metal Productions / More Hate Productions
Contatti:

Sito web  Facebook  Youtube

 
TRACKLIST

  1. Difficulties Are To Come
  2. A Road To Nowhere
  3. Turn Away
  4. In My Dreams
  5. Malicious World
  6. All You Need
  7. Moral Exhaustion
  8. Rarity
  9. Eternal Separation
DURATA: 30:04
 

Il death metal melodico è un girone infernale: ogni volta che mi tocca recensire un disco che dovrebbe appartenere al genere, mi faccio le condoglianze anticipate, augurandomi di non incrociare l'ennesima band metalcore adolescenziale o groove dotata di ritornello cazzone che si spaccia per tale. Onestamente ero partito prevenuto anche nei confronti dei My Darkest Fury.

Il trio proveniente da Vologda — cittadina situata nel nord-ovest della Russia — è composto da Artem "Tempa" Monastyrev (voce ed effettistica), Vadim Smirnov (chitarra e basso) e Alexander "Polzik" Manichev (batteria). Sinora ha rilasciato l'ep "Years Of Hopes" (2011) e gli album "Return To The Real World" (2010) ed "Hectic Existence" (2014): io vi parlerò della loro ultima produzione.

La proposta di base è incentrata su un death metal melodico eclettico e moderno come approccio, nel quale è possibile riscontrare molteplici presenze sia di stampo classico (At The Gates e Dark Tranquillity) sia di realtà più nuove (come Children Of Bodom e Scar Symmetry). È ovvio quindi che la forte derivazione risalti all'orecchio, d'altro canto siamo dinanzi a un disco che da tale commistione ha ricavato mezzora di musica in cui impatto, groove, alta fruibilità e un minimo di progressione trovano il modo di convivere. Ci vengono così consegnati brani equilibrati ("Malicious World", "All You Need", "Moral Exhaustion" ed "Eternal Separation") al cui interno l'elettronica e la voce pulita sono orpelli saggiamente dosati, tanto che nel loro caso non è la componente più orecchiabile e odierna ad arrecare fastidio, bensì le sezioni più estreme del suono che non convincono del tutto.

"Hectic Existence" non cambierà di certo la vita a nessuno, è un disco onesto che tenta di dire la propria, rimescolando le note carte in tavola, talvolta riuscendovi, altre meno. È comunque un ascolto che chiunque sia ancora affezionato a tali sonorità potrebbe trovare gradevole, date quindi una possibilità ai My Darkest Fury e se son rose allora fioriranno.

Facebook Comments