MY SILENT LAND – My Silent Land

Informazioni
Gruppo: My Silent Land
Anno: 2011
Etichetta: Autoprodotto
Contatti: www.myspace.com/mysilentland
Autore: Mourning

Tracklist
1. My Land Is Here
2. In The End Of The Eye
3. The Mary’s Agony
4. My Last Breath
5. Time For You
6. Don’t Leave My Soul
7. My Silent Land

DURATA: 25:31

Dalla Sardegna giunge a noi il progetto My Silent Land, dietro il monicker si nasconde la sola figura del compositore e cantante Silvio “Viossy”.
Il disco omonimo per un prodotto demo rivela qualità superiori alla media soprattutto per quanto concerne gli aspetti legati alle strutture e alle fasi ambientali dei brani.
Il musicista sardo è infatti dotato di una più che discreta capacità, rende vario e intrigante il trascorrere del tempo in compagnia della sua musica offrendo melodie intime e avvolgenti in “In The End Of The Eyes” e “The Mary’s Agony”, una posizione più “dura” con l’innesto addirittura di una breve sezione cantata in growl nel quarto episodio “My Last Breath”, puntando all’accenno cantautorale in “Time For You”, brano in cui acustica ed elettrico convivono.
E’ un lavoro ben fatto “My Silent Land”, non si risparmia di certo e le ultime due canzoni, “Don’t Leave My Soul” decisamente più ritmata rispetto al resto della tracklist e l’ennesima piacevole ricaduta in terreni più dolciastri melancolici della titletrack posta in coda, confermano le buone sensazioni espresse dalla prima parte del platter.
Si può discutere su quanto la pronuncia inglese non sia proprio perfetta, di come la voce ogni tanto non sia del tutto allineata ma queste sono sottigliezze che potranno essere corrette con un po’ d’attenzione e una cura maggiore del particolare, perché tolte queste imperfezioni il complesso strumentale funziona, ciò che lo penalizza è una produzione dalla prestazione altalenante e dai volumi regolati non al meglio.
Le idee nel cantiere dei My Silent Land non mancano di sicuro, stanno prendendo forma, è una prova soddisfacente “My Silent Land” e fa presagire un passo in avanti già dal prossimo giro, attendiamo.

Facebook Comments