NACHZEHRER – Pestilence Hungers In The Shadows

 
Gruppo: Nachzehrer
Titolo:  Pestilence Hungers In The Shadows
Anno: 2012
Provenienza:   Stati Uniti
Etichetta: Demons Gate Records
Contatti:

 

 
TRACKLIST

  1. The Awakening
  2. Bärsärkar-Gång
  3. Howling And The Imminent Stench Of Decay
  4. Black Order Of The Goat
  5. Incestual Demoncy
  6. Atavist
DURATA: 27:11
 

Il periodo che passa tra la fondazione di un gruppo e i suoi primi lavori diminuisce sempre più. Per questi americani di Boston non vale neppure la scusante che siano musicisti militanti da qualche tempo in altre formazioni. Se do retta alle informazioni in rete, nessuno di loro è attivo da prima del 2006. Ciò significa, dunque, che i Nachzehrer siano da squalificare al primo minuto? Scopriamolo insieme.

Il primo capitolo non mi pare molto americano e mi permette di restare sul nostro lato dell’Atlantico con lo sguardo teso verso Nord. "Bärsärkar-Gång" è una traccia abbastanza curiosa… il riff iniziale mi ricorda il buon vecchio Thrash che si fonde poi a del Black di fattura tipica. Questi gioca un ruolo secondario nel tutto. La voce incide solchi nelle orecchie, tentando di strappare i timpani all’ascoltatore. Il pezzo è uno dei miei preferiti, anche se da un lato non trovo una vera coerenza nel costrutto. Più i minuti passano, meno si sente il Black puro che si rispecchia piuttosto in ritmiche ossessive e celeri. I pezzi si possono anche descrivere come una disputa fra il Thrash e il Tlack che si alternano di continuo. Questi statunitensi padroneggiano sicuramente l’arte di produrre ritmi trascinanti, come dimostrato dalle tracce successive che sono ricche di ritmiche variegate e "break" che faranno senza dubbio grande effetto in concerto.

L’esecuzione delle piste e la tecnica sono impeccabili. Offrono al pubblico pane per i suoi denti e buoni argomenti per organizzare una festa metal, né più né meno. Sarò onesto: questo EP è sicuramente solido e di buona qualità, ma comunque standard e non riesce a entusiasmarmi più di tanto.

Lascio a ognuno di voi la scelta se acquistarlo o meno. Ascoltate, ponderate e decidete, Amen.

Facebook Comments