NEMESIS SOPOR – Glas

 
Gruppo: Nemesis Sopor
Titolo: Glas
Anno: 2014
Provenienza: Germania
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook  Soundcloud  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Stille Heimat
  2. Kairos
  3. Weisse Augen
  4. Leere Träume
  5. Glas
  6. Splitter
  7. Eis Zu Stein I: Wind
DURATA: 59:16
 

Un panorama desolato in scala di grigi, sette canzoni per un totale di un'ora di musica e un'atmosfera malinconica e addolorata. Ecco i Nemesis Sopor, quintetto sassone che autoproduce la propria seconda fatica e arricchisce il nutritissimo — seppur spesso refrattario e quindi poco conosciuto — panorama black metal a tinte naturalistiche della grande Germania.

Gli Agalloch e il nord-ovest statunitense sono ovviamente tenuti in grande considerazione ("Kairos"), ma il suono è molto più compatto e asciutto di quanto solitamente proviene dall'altro lato dell'Atlantico, tratto tipico della scuola tedesca degli ultimi dieci anni. Imperium Dekadenz ed Helrunar a spron battuto, dunque, però riletti in chiave estremamente atmosferica e strutturalmente semplice, il che significa brani senza orpelli e assolutamente concentrati sulla creazione dell'umore e del contesto adatti. E l'umore e il contesto sono quelli delle nebbie teutoniche, del grigiore delle sere autunnali e della bruma del mattino, ricreati lungo l'incedere dei sette lunghi pezzi di "Glas" e cantati in lingua madre in uno scream molto acre.

Un ottimo disco, curato, sobrio, schietto eppure allo stesso tempo da assimilare nel tempo, il classico esempio di album che cresce con gli ascolti, che sembra aver già dato tutto, ma che al giro successivo sa ancora regalare qualcosa di nuovo. Cinquantanove minuti che raramente scorrono così lisci, leggeri, freschi come la brezza dei boschi sassoni cui la formazione di Dresda si ispira tanto fortemente. Consigliatissimo.

Facebook Comments