NERVOUS IMPULSE – Time To Panic

 
Gruppo: Nervous Impulse
Titolo: Time To Panic
Anno: 2015
Provenienza: Canada
Etichetta: Blast Head Records
Contatti:

Sito web  Youtube

 
TRACKLIST

  1. Intro
  2. Oil Spills
  3. Prorogued Democracy
  4. Syrian NATO Meat Grinder
  5. Wing Clipper
  6. Nostalgic Memories
  7. Time To Panic
  8. 9 Meals To Anarchy-Riot Solves Everything
  9. My Right To Medicate
  10. Eclipse Of Personality
  11. Overwhelming Positive Vibe
  12. The Last Call
  13. The Neighbor's House Is On Fire
  14. Dead Jeremians 2014
  15. Vexed [cover Agoraphobic Nosebleed]
DURATA: 36:26
 

Sei anni, sono trascorsi sei lunghi anni dall'uscita di "Enough For Dementia", primo disco dei canadesi Nervous Impulse. In questo arco di tempo però la band di Montreal non è rimasta del tutto inattiva, pubblicando due promo ("5 Song Promo" nel 2009 e "Promo 2014" nel 2014) e uno split che ha coinvolto Onanizer, Hovadah e SMG ("4-Way Grindcore Noise Decay!" nel 2012), serviti da anticipazione al secondo lavoro di lunga durata intitolato "Time To Panic".

I Nordamericani ripartono da dove li avevamo lasciati: la proposta è ancora una volta un violento e prepotente schiaffone death-grind che attinge in maniera sapiente dalla scena anni Novanta, difatti non è un caso che a fine scaletta sia stata posta una cover di "Vexed" degli Agoraphobic Nosebleed di "Honky Reduction" (1998). Allo stesso modo è evidente che numi tutelari del suddetto panorama quali Brutal Truth, Devourment (per il sottoscritto MAI risorti) e in piccola parte i Dying Fetus d'inizio carriera (quelli con l'accoppiata composta da Jason Netherton e John Gallagher a tirarne le fila) prendano parte alla serie di mazzate contenute nei quindici brani.

La miscela è nota e collaudata, il muro sonoro innalzato è robusto, la natura groove dirompente e la prestazione dietro al microfono di Eric Fiset si schianta feroce e inesorabile sui pezzi. Non c'è nulla insomma di sbagliato nel concentrato di violenza sociale sulla quale è imperniato il lavoro, né tantomeno nella maniera in cui i Nervous Impulse le danno vita, sparandoci letteralmente contro riflessioni in formato proiettile musicale. Riuscireste davvero a non godervi tracce come "Syrian NATO Meat Grinder" o "Eclipse Of Personality"?

Inoltre, come avvenuto già con "Enough For Dementia", il disco in questione ha ricevuto un buonissimo trattamento in fase di produzione, alla quale ha messo mano anche il batterista Yan Chamberland, facendosi così apprezzare sia per la gradita intellegibilità fornita alle prestazioni dei singoli strumenti sia per la pesantezza e il rilievo dato alle sonorità basse nell'avanzamento coeso dell'artiglieria pesante.

I Nervous Impulse sono aggressivi e in ottima forma, lo dissi al tempo e mi ripeto adesso: seguiteli! Se non siete per nulla stanchi di cibare il vostro stereo con uscite simili, non ho nessun bisogno di dilungarmi ulteriormente, poiché sapete già cosa fare. Lascio quindi a voi il compito di premere nuovamente il tasto play.

Facebook Comments