NETER – Idols

 
Gruppo: Neter
Titolo: Idols
Anno: 2015
Provenienza: Spagna
Etichetta: Metallic Media / Black Plague Records / Satanath Records
Contatti:

Facebook  Twitter  Google Plus  Soundcloud  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Toward The Mass Grave
  2. Triumphant March
  3. Pulsar
  4. Tongues Of Shiva
  5. Fallen Moai
  6. Echoes From Bhopal
  7. Predicament Of Mankind
  8. Solaris
  9. Contagium Vivum Fluidum
  10. Idols
DURATA: 45:28
 

A sei anni di distanza dall'uscita dell'esordio "Nec Spe Nec Metu" (2009), tornano a farsi sentire gli andalusiani Neter, con la pubblicazione del secondo capitolo discografico intitolato "Idols". La formazione proveniente da Siviglia suona un death metal ispirato sia dalle sonorità statunitensi di Morbid Angel e Nile che da quelle est-europee di Vader e Decapitated.

Pur non possedendo pezzi della Madonna, il quartetto sfodera una prestazione che si regge con caparbietà e compattezza grazie a un riffing e a una solistica particolarmente malsani, anche nella loro accezione melodica, tanto che in qualche frangente sembra di avere all'orecchio "Domination", a un operato di batteria martellante ma non privo di repentini cambi di ritmo e a una prova dietro al microfono in più circostanze affine a quanto offerto in passato da Karl Sanders. Canzoni come "Triumphant March", "Tongues Of Shiva", "Fallen Moai", "Echoes From Bhopal" e "Solaris" sono così capaci di invogliare l'ascoltatore a ruotare la testa.

"Idols" funziona ed è un album che non dovrebbe trovare nessuna difficoltà a girare nel vostro lettore. Certamente in un paio di situazioni si percepisce in modo sin troppo distinto la devozione che gli Iberici nutrono nei confronti dei nomi tirati in ballo, tuttavia fortunatamente questo difetto viene in parte assorbito dall'andazzo tutt'altro che banale dei brani. Inoltre in qualche circostanza sembra patire leggermente la propria essenza monolitica, che si sarebbe potuta spezzare infilando a metà scaletta un passaggio atmosferico strumentale; particolare che in ogni modo non danneggia più di tanto un disco che nel complesso è da giudicare positivamente.

I Neter nuotano al di fuori delle acque mediocri di chi si accontenta di plagiare il passato, sono competenti, decisi e ho l'impressione possano già dire la loro, pertanto vi invito ad ascoltarli.

Facebook Comments