NINFEA – Superstite

 
Gruppo: Ninfea
Titolo: Superstite
Anno: 2016
Provenienza: Italia
Etichetta: Vrec Records
Contatti:

Facebook  Twitter  Youtube  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Explosion
  2. Veleno Di Seta
  3. Dogma
  4. Arida Illusione
  5. Apnea
  6. Massa Spenta
  7. Miss Violet
  8. Invisibile
  9. Teste Di Plastica
  10. Non Siamo Umani
DURATA: 46:49
 

Cinque anni è il tempo trascorso da quando ebbi modo di recensire "Ade", lavoro tramite il quale conobbi la realtà grunge-alternative rock dei Ninfea. Cinque anni nei quali sembra proprio che la band abbia trovato ciò che le mancava, portando a termine il percorso di crescita con la realizzazione dell'album "Superstite".

Le coordinate stilistiche che alimentano questo nuovo atto discografico non si differenziano particolarmente da quanto esposto in precedenza, il trio composto da Alessio Ligorio (chitarra e voce), Francesco Lanzo (batteria) e Alessandro Martina (basso) ha però ottenuto una propria quadratura del suono. I difetti che caratterizzavano il recente passato — legati soprattutto al cantato di Ligorio e allo sviluppo ritmico asincrono dei brani, che li rendeva poco convincenti nei cambi di passo — sono stati decisamente livellati. Ora Alessio è più sicuro e capace di imprimere personalità alla sua prova dietro al microfono, mentre in scaletta si ha possibilità di riscontrare come pezzi dall'animo più placido e introspettivo ("Apnea" e "Invisibile"), maggiormente vivaci e distorti ("Dogma", "Miss Violet" e "Teste Di Plastica") o raffinati e di confine ("Veleno Di Seta") riescano adesso a convivere in armonia.

Il lavoro svolto dalla band trasuda l'emozione e la passione di chi ha fatto della Seattle anni Novanta e di un certo movimento rock italiano (Movida, Ritmo Tribale, Verdena, Marlene Kuntz e via discorrendo) i propri punti cardine, dando voce ai pensieri che si accumulano in testa con cuore e istinto. Ciò che sembra mancare è una grinta ancora più graffiante, ma in fin dei conti va bene anche così, perché non si può negare ai Ninfea di avere compiuto un grosso e gradito passo in avanti nella direzione giusta.

"Superstite" è nostalgicamente bello, un disco rivolto a coloro che hanno vissuto appieno l'era in cui un certo tipo di sonorità prendeva piede. Al contrario di quanto presagito da alcuni signori dell'epoca, il sentiero rock battuto dai Ninfea non è scomparso né tantomeno ha rappresentato esclusivamente una moda del momento, diventando invece parte di un panorama musicale che non può più fare a meno di riconoscerne il valore. La dimostrazione di ciò ci viene data da chi, proprio come i Pugliesi, persegue nel trarre linfa vitale da esso e attraverso i nostri riscontri, noi che ne godiamo, che abbiamo ascoltato, ascoltiamo e ascolteremo uscite come "Superstite".

Facebook Comments