NOTHGARD – Warhorns Of Midgard

 
Gruppo: Nothgard
Titolo: Warhorns Of Midgard
Anno: 2011
Provenienza: Germania
Etichetta: Black Bards Entertainment
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Youtube

 
TRACKLIST

  1. Lex Talionis
  2. Arminius
  3. Under The Serpent Sign
  4. Einherjer
  5. Shadows Arise
  6. Blackened Sky
  7. Victory
  8. Warhorns Of Midgard
  9. Spirit
  10. Ancient Heritage / Modern Warriors
  11. Rise After Falling
  12. Ragnarök
DURATA: 55:45
 

Il panorama folk e viking ormai è stracolmo, nascono realtà di questo tipo come funghi, portando con sé non sempre prove di valore, anzi diciamo che in molti casi si sfiora addirittura il ridicolo. I Nothgard si presentano con un evidente nulla di nuovo, con influenze melodic death-power e folk derivanti da band quali Wolfchant, Suidakra e Turisas palesi, tuttavia evitano fortunatamente derive da happy sound in stile Korpiklaani e Finntroll, se non in brevissimi fraseggi.

I Tedeschi sanno spingere sull'acceleratore e trovare momenti in cui enfatizzare l'epicità e il lato folcloristico dello stile. Per chi calca ancora la mano cantando di mitologia nordica e battaglie, la fusione fra la dura corposità metallica e le fasi atmosferiche fornite dai sintetizzatori a supporto è un'arma quasi fondamentale ed essi sembrano conoscerne bene l'utilizzo, regalandoci discreti brani quali sono "Arminius", "Under The Serpent Sign", "Blackened Sky", "Warhorns Of Midgard" e "Ancient Heritage/Modern Warriors".

Le note si mantengono vivaci, orecchiabili e altamente fruibili ma non stucchevoli, con il lavoro di stampo power delle chitarre a interpretare il ruolo di padrone della scena, sia nel creare le melodie sia nell'imporsi solistico. La formazione ha delle buone idee, i pezzi sono efficaci e anche dopo vari ascolti non stancano, certamente un'ora di album rende lievemente difficoltoso ripremere più di una volta il tasto play, a meno che non si sia dei fruitori maniaco-ossessivi del genere. Uno snellimento di una decina di minuti — o poco meno — avrebbe giovato, rendendo la prestazione più leggera e ancora più scorrevole.

Non è che ci siano grosse critiche da poter muovere a una prova che gode di una produzione valida (a cura del solito Andy Classen) e che graficamente è supportata dalla bella copertina di Kris Verwimp (che sembra uscita dal manuale delle giovani marmotte folk) così canonicamente in linea con la musica.

I Nothgard vanno a inserirsi all'interno della fascia easy-listening con "Warhorns Of Midgard", che dovrebbe riuscire a dire la sua, trovando spazio proprio nel marasma di uscite similari. Chiaramente se il gruppo riuscisse in futuro a mettere sul piatto un po' di personalità e a rafforzare la positiva impressione offerta da una composizione discretamente matura, potrebbe acquisire fan, rubandoli a realtà più note e ormai spompate. Non perdeteli di vista!

Facebook Comments