NOWEN – Nothing But Hate

 
Gruppo: Nowen
Titolo:  Nothing But Hate
Anno: 2010
Provenienza:  Finlandia
Etichetta: Violent Journey Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Bandcamp  Last.fm

 
TRACKLIST

  1.  Intro
  2. The Sick Weakness
  3. Dead Meat
  4. Fragile
  5. Bleed, Suffer And Die
  6. Sofia
  7. Nothing But Hate
  8. After The Suicide
  9. From Time To Eternity
DURATA: 37:55
 

Nuova realtà della scena death-thrash finnica, ma non lasciatevi ingannare poichè il nome Nowen nasconde delle vecchie quanto gradite conoscenze. I membri che ne compongono la formazione sono infatti Mikko "Lappis" Lappalainen e Markus "Kusmar Rotten" Taipale (Witheria), Jarno "Terminator X" Nurmi (Slugathor e se ricordate nei mesi passati abbiamo già parlato di lui nella figura di mente dei Serpent Ascending) e Ville "Vominator" Vehviläinen (Waltari).

Band quindi che ha esperienza quanto conoscenza del metal nelle sue varie forme estreme, creatura relativamente alle prime armi dato che è ormai in vita dal 2002, anno in cui uscì il demo "Cursed Or Blessed", e che mette seriamente fuori la testa per la prima volta con il debutto "Nothing But Hate" supportato della Violent Journey Records.

Un disco compatto e violento che sa esprimersi sia in velocità e spinta sia quando si appoggia a passaggi dediti alla melodia ma si parla di quella giusta, niente affievolimenti emo o baggianate dell'ultima ora, i ragazzi suonano e interpretano il genere spinti dalla corrente che negli anni Novanta fluiva rigogliosa in Svezia con basi death martellanti ben assestate.

Ci sono in effetti quattro o cinque brani che sono delle vere e proprie mazzate a capocollo ed esprimono al meglio l'elevato potenziale che i Nowen hanno in casa. L'"Intro" mette in chiaro dalla nota iniziale che assalti e inframezzi dal sapore meloretrò saranno all'ordine del giorno ed è così che prende vita "The Sick Weakness", pensate ai Dark Tranquillity più spinti e spogliate quel suono dell'atmosfera che gli dona Brandstorm, lasciate solo la componente d'impatto e rimasugli di fruibilità e coglierete l'essenza di questa traccia.

"Dead Meat" e "Fragile" sono la coppia d'oro della scaletta, una rimanda ai Pestilence e quindi molto più incisivamente d'approccio death con tanto di tirata spaccaossa incastonanata nella parte centrale, l'altra invece più andante su ritmiche thrash con l'ombra di realtà storiche come gli Artillery pronte a farsi vive. E ancora si potrebbe continuare citando "Bleed, Suffer And Die", "After The Suicide" o "Nothing But Hate", tutte canzoni più che apprezzabili per la genuina attitudine con cui si prestano all'ascolto.

Tirando le somme i Nowen con quest'album ci danno sotto, qualche lieve fase calante all'interno c'è, ma è di poco conto in un complesso che macina e tira come pochi in quest'ultimo periodo. Divertitevi e rifatevi le orecchie con "Nothing But Hate" e teneteli d'occhio, la Finlandia ci sta donando un'altra compagine che dà, e spero per loro darà, soddisfazione.

Facebook Comments