NUMBER H – Whisper In Your Hear

Informazioni
Gruppo: Number H
Anno: 2010
Etichetta: Sg Records
Autore: Mourning

Tracklist:
1. One day
2. Never Too Late
3. Broken Dreams
4. Where I’m Going
5. Get Away
6. Have You Seen?
7. Break The Chains
8. F*** Your Mind
9. Floating
10. Breathe
11. A Safer Place

DURATA: 43:29

Hard/Rock a tinte grunge è quello che i ragazzi sardi dei Number H ci propongono con il secondo e maturo album “Whisper In Your Hear”.
La formazione ha nelle vene il sound di Seattle pescando da band quali Soundgarden e Alice In Chains, in tale ambito sembra spuntare al post dei Silverchair di “Frogstomp” che a loro volta avevano ben appreso lezioni impartite da grandi del passato quali Led Zeppelin e Black Sabbath.
Un disco di facile ascolto, pieno di brani che spiccano per buona costruzione e voglia trasmessa, un saggio puramente dedito all’adrenalina più rock/oriented.
Tracce come “Never Too Late”, “Broken Dreams”, “Fuck Your Mind” o “Floating” sono una lieta compagnia, canzoni che in viaggio o nella solitudine della vostra stanza sapranno liberarvi dai demomi di una noiosa giornata o far scaricare nervosismo accumulato lasciando che siano le note a trasportarvi.
Discorso a parte merita la semi-ballad “Breakin The Chains”, coinvolgente, dolciastra, ottima se supportata da una compagnia femminile.
Non che il resto del platter sia di minor valore rispetto alle citate, ritengo inutile dilungarmi in un track by track che allungherebbe sì il brodo ma per dire cosa?
I ragazzi sanno emozionare e allo stesso tempo far fremere con composizioni valide, accurate sia per quanto riguarda il reparto strumentale, sia quello vocale.
Ci si lamenta che la musica rock in Italia non va? Certo se band come i Number H sono costrette a girare per circoli di rispetto ma pur sempre minori è normale che trovare una via di lancio sia difficile, dato che le ali vengono tarpate dall’ignoranza delle major e da un mercato che ruba un milione di volte più di quel che da alla musica stessa.
Ascoltate “Whisper In Your Hear”, se avete un pizzico di nostalgia anni Novanta e voglia di qualcosa di semplice e accattivante farà decisamente per voi.

Facebook Comments