NUNSLAUGHTER – DemoSlaughter

 
Gruppo: Nunslaughter
Titolo: DemoSlaughter
Anno: 2006
Ristampa: 2011
Provenienza: U.S.A.
Etichetta: Hell's Headbangers Records
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Ritual Of Darkness [demo del 1987]
  2. The Rotting Christ [demo del 1989]
  3. Impale The Soul Of Christ… On The Inverted Cross Of Death [demo del 1991]
  4. The Guts Of Christ [demo del 1993]
  5. Pace Of Evil [demo del 1995]
  6. Evil Speaks [demo del 1998]
  7. tracce di prova rare e scartate
  8. Death Sentence [demo del 1985, pre-Nunslaughter]
DURATA: 01:51:43
 

La Hell's Headbangers Records sembra dilettarsi nella riedizione a catena di dischi usciti poco tempo fa, anche se là fuori c'è una sfilza di materiale dimenticato e di altra qualità che aspetta un trattamento raffinato. Tanti sono i fanatici di metal che cercano perle dimenticate.

Oggi mi dedico alla raccolta di demo dei Nunslaughter intitolata "DemoSlaughter". Rinuncio in partenza all'utilizzo del materiale digitale ricevuto dall'etichetta, giacché possiedo già il doppio CD con libercolo totalmente chic stampato su carta pesante. Perderò pochissime sillabe a proposito del gruppo, che dovrebbe essere ormai conosciuto ai più e forse anche ai… meno.

La discografia di questi Americani blasfemi al 1000% è infinita come il loro odio per la cristianità. Una prolificità tale, iniziata nel lontano 1987, non lascia possibilità alcuna al metallaro medio di annoiarsi durante la ricerca delle tante produzioni limitate a quantità così ridotte da renderle rare già prima dell'uscita. La massa di adoratori che i Nunslaughter possiedono certifica il valore dei signori sul fronte metallico internazionale.

Che cosa aspettarsi da tale prodotto? La copia in mio possesso è formata da un box ingombrante e pesante di plastica, contenente due CD. Aprendolo, vedrete a sinistra un CD e a destra il libretto citato all'inizio. Togliendolo dall'involucro, i vostri polpastrelli godranno sentendo la carta spessa utilizzata per stamparlo. Non voglio togliervi la sorpresa descrivendovi il contenuto… Per la cronaca devo dire che — ed è proprio successo qualche secondo fa — tali box standard sono fragili, troppo fragili. Basta un nonnulla e le parti delicate si spezzano, rendendo inutile l'involucro. Questo tipo di jewel case sono per giunta difficili da reperire.

Vabbè, il Mondo non è perfetto. Il secondo comparto, meno spettacolare, contiene il dischetto che vi regalerà l'ascolto di alcune prove e registrazioni di qualità archeologica risalenti al tempo prima del cambiamento di nome in Nunslaughter.

Le tracce contenute in questa collezione non sono state rimasterizzate e mantengono così il fascino dell'originale. Se siete fanatici della formazione — e pongo l'accento su fanatici — dovrete procurarvi questa raccolta.

Facebook Comments