OBSESSÖR – Blitzkrieg Battalion

OBSESSÖR – Blitzkrieg Battalion

 
Gruppo: Obsessör
Titolo:  Blitzkrieg Battalion
Anno: 2011
Provenienza: Germania
Etichetta: Goat Kult Symphonies
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1.  Blitzkrieg Battalion
  2. Steel Attack
  3. Angelfuck Infantry
  4. Fistfights For Satan
  5. Storming Death's Revenge
  6. Apokalyptik Raids
  7. Satanik Metal Overkill
  8. Blessed By Torment
  9. Sodomy In Hell
  10. Barbed Wire Blasphemy
  11. Curse Of The Ritual
  12. Say Hello To Mr. Fist [cover Gehennah]
DURATA: 45:09
 

Il fascino degli anni Ottanta avvolge il lavoro dei tedeschi Obsessör, pronti a omaggiare con fervore il periodo primordiale dell'estremo attraverso la buonissima iniezione di adrenalina, carica alcolica e metal al 100% priva di compromessi di "Blitzkrieg Battalion".

Il quartetto — che vede Nekroschwanz alla voce, Kremator al basso (entrambi membri degli Zerstörer ed ex degli Hailstorm), Genözider (Bulldozing Bastards, Omega, Beer Pressure, Quintessenz ed ex Genocide) alla chitarra e Artilleratör dietro le pelli (Beer Pressure ed ex-Genocide) — ha dato vita a dodici tracce che raccolgono gli insegnamenti impartiti nel corso degli anni da stelle quali Venom, Motörhead, Hellhammer (hanno intitolato un pezzo "Apokalyptik Raids", più chiaro di così…) e Sodom; inoltre mi è impossibile non nominare gli svedesi Gehennah, dato che proprio a questi ultimi viene reso tributo in conclusione del disco con "Say Hello To Mr. Fist" (brano contenuto nel debutto "Hardrocker" del 1995). Le intenzioni del gruppo quindi sono note e l'atteggiamento schietto, così si attacca in stile rullo compressore dall'inizio alla fine, non mollando mai la presa e con discreta naturalezza viene servita all'orecchio una prestazione da headbanging.

La composizione omogenea e costantemente rivolta all'attacco, pur palesando una ripetitività di fondo che di certo non disturberà gli immancabili sostenitori dello stile, si difende bene, infilando una dietro l'altra canzoni dal piglio elementare che invitano a seguirne l'andazzo. La scaletta non presenta brani che si possano definire capofila, ma dall'ingresso di "Blitzkrieg Battalion", passando di volta in volta per episodi come "Angelfuck Infantry", "Fistfight For Satan", "Apokalyptik Raids", "Satanik Metal Overkill" e "Barbed Wire Blasphemy", si viene a contatto con la profonda passione degli Obsessör per il sound e i cliché che hanno reso fondamentale quel periodo musicale.

Il Black-Thrash dei teutonici si rivolge quindi a un target d'ascolto ben preciso: gli infervorati sostenitori della vecchia scuola. Se ciò che desideraste avere nello stereo fosse quanto prodotto da coloro che ne segnarono indelebilmente la storia, e con lo stesso trasporto e fervore oggi supportate le band che si cimentano nel genere seguendone le orme, non perdetevi un album come "Blitzkrieg Battalion". E mi raccomando: durante il passaggio nel lettore non dimenticate di accompagnarlo con una birra fresca, l'accoppiata è di quelle vincenti!

Facebook Comments