OCCULTA STRUTTURA – Appendice A – Paradigma Dell’Orrore (Tributo Ad H.P. Lovecraft)

 
Gruppo: Occulta Struttura
Titolo:  Appendice A – Paradigma Dell'Orrore (Tributo Ad H.P. Lovecraft)
Anno: 2011
Provenienza:  Italia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Non Disponibili

TRACKLIST

  1. Azagthoth
  2. The Mystery Of R'lyeh
  3. Paradigma Dell'Orrore… (Paradigma dell'Orrore; Enunciazione Di Morte; Tributo Ad Una Deformita' Molecolare; Inferno Dormiente)
DURATA: 27:13
 

Ogni singola uscita a nome Occulta Struttura è storia a sé, sia che si tratti di materiale totalmente nuovo che in parte ripreso dal passato come nel caso di questo "Paradigma Dell'Orrore", lavoro che vede al proprio interno due brani rilasciati antecedentemente in "Vol. 0" e "Vol. I" presentati in una veste diversa dall'originale.

Ciò che continua a contraddistinguere l'operato di Akh. e del motore universale che alimenta il fattore composizione è quella scia molecolare che incostante schiaccia, si dirada, si ripresenta per poi risvanire nel nulla, una sorta di caotica e deformata dimensione temporale in cui i flussi stanno puntando decisi in direzione di uno zero assoluto capace di annullare e inglobare l'esistenza.

Il materiale sonoro incorpora influenze svariate da campi quali elettronica, black metal e noise sezionandole, modulandole, tagliandole e incollandole nel miglior stile Muciaccia (sì lui, l'uomo che con un cerino sarebbe capace di riprodurre l'Empire State Building), facendo in modo da condensare atmosfere elettriche e disturbate, altalenanti nel proporre ambientazioni industriali lo-fi e catene di note ridondanti dedite a omaggiare l'insana arte orrifica del maestro di Providence H.P. Lovecraft.

Ventisette minuti che ancora una volta confermano l'identità perentoricamente minacciosa, decisa e incorruttibile di una realtà che vuole rimanere underground, a cui non interessa divenire comprensilbilmente conosciuta, altresì si prodiga per emanare un messaggio talmente criptico e destinato a pochi, sarete fra questi? Chissà, l'unico modo per capirlo, è ascoltare.

 

Facebook Comments