OGDRU JAHAD – I

 
Gruppo: Ogdru Jahad
Titolo:  I
Anno: 2013
Provenienza: Danimarca
Etichetta: Iron Bonehead Productions
Contatti:

Last.fm

 
TRACKLIST

  1. Intro
  2. Profane Devastation
  3. Unholy Blessings
  4. Empty Jehovah
  5. Glories Of Mary
  6. Necromantic Rites
  7. Hobo Of Nazareth
  8. Weeping Of Angels
  9. Sacred Sodomy
  10. Unclean Birth
  11. It Is Done
DURATA: 30:46
 

Per alcuni potrà essere paradossale denominare il proprio gruppo di bestial black metal Ogdru Jahad, altri come me, invece, apprezzeranno la scelta coraggiosa di un nome proveniente dai fumetti per un tale progetto. La casa tedesca Iron Bonehead ha preso sotto contratto questo quartetto danese dopo due demo uscite durante le primavere 2011 e 2012.

Inizio con i fatti. È raro incontrare formazioni in questa nicchia del black che perdano il loro tempo suonando assoli di chitarra; Necrocalvis s'impegna a dare un tocco di personalità alle canzoni con delle scale stridule, a volte curiose, che s'inseriscono come un fulmine a ciel sereno nel complesso della lunatica meteorologia compositiva. La musica dei danesi è da questo lato più variegata di altra, se posata sulla bilancia del bestial black metal.

Affermai a più riprese che nel genere citato un'evoluzione sarebbe stata utopica e priva di senso. Gli Ogdru Jahad sembrano volermi contraddire un pochino. Non fraintendetemi: la musica in generale rispetta i canoni e soddisfa le pretese degli adoratori del cuoio e dei chiodi da venti. Se volete avere un'idea concreta su che cosa vi aspetti ascoltando questo lavoro, gustatevi "Sacred Sodomy" che contiene tutti i punti chiave del suono della formazione: marciume, linee vocali bestiali, assoli satanici e una batteria martellante come un bombardamento a tappeto. L'unico aspetto veramente negativo per i miei gusti è il senso di ripetizione ossessivo che trovo confrontando alcune canzoni contenute nel pezzo di vinile; questi rende alla lunga l'ascolto un poco noioso.

All'attacco, all'attacco comunque, signori, l'ultimo che lascia la trincea sarà il primo a morire!

Facebook Comments