OLM – EP

 
Gruppo: Olm
Titolo: EP
Anno: 2017
Provenienza: Spagna
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Intro
  2. Derek
  3. Breath Deep
  4. Fraktal Rain
  5. See Through
DURATA: 18:38
 

Un esordio davvero ricco e interessante quello degli spagnoli Olm, che grazie al loro primo EP si stanno facendo notare moltissimo in patria e hanno intrapreso persino un piccolo tour tra Spagna, Germania, Olanda e Francia, oltre che naturalmente essere arrivati sulle nostre pagine virtuali.

La band proviene dalla regione delle Asturie e in sole cinque tracce è riuscita davvero a convincere la sottoscritta: qui c'è del gran potenziale e influenze degne di tutto rispetto, soprattutto sul fronte relativo al rock settantiano e alla psichedelia, dettaglio facilmente intuibile anche solo dopo aver dato un'occhiata alla coloratissima e intrippante copertina. Stavolta la voce è femminile: lo stile adottato da Cris mi ha fatto pensare a una band che ammiro moltissimo, ovvero Jess And The Ancient Ones, e già questo è un grosso punto a favore.

Si parte davvero benissimo già "Intro", prima traccia, acustica e strumentale, dal sapore un po' prog, che continua parzialmente anche nella successiva "Derek", con la quale entriamo nel vivo: ritmi lenti che improvvisamente si impennano nel finale, sussurri e intense modulazioni vocali ipnotiche e cantilenanti, melodie precise e in qualche modo discrete che fanno risaltare moltissimo la voce. 

L'andamento generale non fa che migliorare sempre di più, man mano che si prosegue con l'ascolto: dall'energia di "Breath Deep", in cui Cris fa veramente un ottimo lavoro, all'oniricità che a tratti sfuma nel desert à la Yawning Man di "Fraktal Rain", fino al quinto e ultimo brano "See Through", in cui la sezione strumentale si prende la rivincita, la punta di diamante di un EP pieno di promesse e — in effetti — anche di buonissime premesse per un futuro più che roseo.

Sia le linee strumentali che quelle vocali sono parecchio variegate all'interno dei singoli brani, quindi non facili da imprimere nella memoria per poi canticchiarli, ma questo non è affatto un difetto: invoglia, semmai, a riascoltarsi tutto da capo. Questo era solo un piccolo assaggio, adesso attendiamo la portata completa.  

Facebook Comments