OMISSION – Merciless Jaws Of Hell | Aristocrazia Webzine

OMISSION – Merciless Jaws Of Hell

Informazioni
Gruppo: Omission
Anno: 2011
Etichetta: Xtreem Music
Contatti: www.myspace.com/omissionthrashmetal
Autore: Mourning

Tracklist
1. Erotic Nightmares
2. A Field Sowed Of Coffins
3. Northmen Wrath
4. We Are The Dead
5. Architects Of Fear
6. Fuckin’ Alone
7. The Light In My Dark
8. Here We Stand
9. Day Of Your Death Arrives…
10. You Can’t Hide
11. Ianus Rex Infernorum

DURATA: 41:00

OMISSION - Merciless Jaws Of Hell Gli spagnoli Omission danno seguito al debutto “Thrash Metal Is Violence” partorito nel 2009, dopo una serie infinita di split, demo e best of è arrivato il momento che “Merciless Jaws Of Hell” giri nel vostro stereo.
La formazione iberica ha da sempre sofferto di una costante instabilità in line-up tanto che il batterista adibito a fornire le ritmiche in quest’album è un session, si tratta di Riky, drummer dei connazionali Avulsed.
La proposta è un thrash in versione “extreme”, la percezione del sound di matrice teutonica è forte, gente come Sodom e Kreator confluiscono in un calderone d’influenze che oltre i classici Slayer potrebbe portare alla mente nomi quali Sadus, Inquisitor (olandesi), Cryptic Slaughter e S.O.D., queste ultime due per varianti quasi crust si fanno strada in maniera alquanto gradita.
Thrash che non ha attimi di respiro, i tempi mantengono con costanza i giri motore alti, la cassa è spesso e volentieri pressante, dietro il microfono Miguel “Patillas” Hernanz emette uno scream corrosivo, il platter è marcio, pungente, decisamente più completo e intrigante se messo a paragone al primo sforzo rilasciato, le canzoni godono di composizioni meglio orchestrate, di assoli di stampo classicheggiante, cambi in corsa della velocità per lo più “da vado già di quarta” a “corriamo”.
Riescono quindi a dare quella marcia in più fornendo una massiccia prestanza, aggiungiamo un taglio scuro alle tracce ed ecco che canzoni quali “A Field Sowed Of Coffins”, “We Are The Dead”, “Fuckin’ Alone”,”Here We Stand” e “Day Of Your Death Arrives…” vi sono servite su un piatto d ‘argento, pronte a regalarvi quella iniezione di adrenalina che vi dia lo “start” adatto alla giornata.
Gli Omission sono maturati anche sotto l’aspetto della produzione lontana sì dall’esser pulita ma offrente una maggior delineazione degli strumenti e del complesso in genere, “Merciless Jaws From Hell” è un passo deciso in avanti.
Un secondo lavoro che dovrebbe attirare giustamente l’attenzione degli appassionati del thrash metal più estremo e ad essi consiglio vivamente di ascoltare questo nuovo Omission.
La band intanto non è rimasta con le mani in mano, ha già pubblicato uno split, “Unholy Thrashing Savage”, in compagnia di Storming Steels, Dunkell Reiter e Revenge (Grc) perché chi si ferma a quanto pare è davvero perduto, so thrash on!