OPERA IX – The Gospel

Gruppo:Opera IX
Titolo:The Gospel
Anno:2018
Provenienza:Italia
Etichetta:Dusktone
Contatti:Sito web  Facebook  Youtube  Spotify
TRACKLIST

  1. The Gospel
  2. Chapter II
  3. Chapter III
  4. The Moon Goddess
  5. House Of The Wind
  6. The Invocation
  7. Queen Of The Serpents
  8. Cimaruta
  9. Sacrilego
DURATA:54:32

Gli Opera IX non sono un gruppo bisognoso di particolari presentazioni: formato nel 1988 e con alle spalle lavori di indubbio spessore, il quintetto biellese ha lasciato un’impronta da non trascurare nella scena italica e in occasione del trentennio di attività presenta il nuovo lavoro, The Gospel. Dopo sette anni dall’uscita di Strix – Maledictae In Aeternum, Ossian si avvale di una formazione nuovamente rimaneggiata e ci consegna un disco ancora una volta profondamente calato nella tradizione esoterica europea.

The Gospel è un concept incentrato principalmente su Aradia, meglio conosciuto come Il Vangelo Delle Streghe. Il libro fu scritto alla fine dell’Ottocento da Charles Godfrey Leland sulla falsariga di un manoscritto italiano, con l’intento di descrivere nei dettagli il culto di Aradia, figlia di Diana (la Luna) e di Lucifero (il Sole). Oltre ad aver ispirato vari movimenti dediti alla riscoperta di certe forme di paganesimo, tale testo fu spesso indicato come una testimonianza della persistenza di una consistente componente occulta di origine pre-cristiana all’interno di molte tradizioni popolari in Europa. Come avrete ormai capito, ancora una volta gli Opera IX hanno imbastito un lavoro basato su interessanti ricerche antropologiche ed esoteriche, attività a cui Ossian si dedica da lungo tempo, come egli stesso ebbe l’occasione di confermarci in sede di intervista.

Nel trittico di apertura i Nostri sfoggiano immediatamente un black metal melodico in cui l’operato della chitarra ricama trame dal sapore arcaico, mentre le tastiere ricreano orchestrazioni misteriche e maestose, senza risultare mai eccessivamente pompose o inutilmente magniloquenti. Gli scenari notturni e occulti sono certamente da sempre uno dei più riconoscibili tratti distintivi dell’operato del gruppo, ma in questo album sembra che tale aspetto rivesta lo stesso ruolo fondamentale che aveva nei dischi di inizio carriera. Vengono sacrificate un po’ di velocità e di potenza in favore di un approccio più atmosferico, ma la proposta ne guadagna in espressività quando la spinta sinfonica diventa prorompente, permettendo alle sfumature più evocative di prendere il sopravvento e aderire perfettamente alle forme del lato concettuale.

Gli Opera IX maneggiano ormai con invidiabile perizia la materia, riuscendo a risultare vari e sempre coinvolgenti, sia nelle parti più graffianti e muscolari (“The Invocation”, “Sacrilego”) che nello sviluppo atmosferico. Quest’ultimo rimane comunque il perno principale attorno cui ruota l’intero album ed è proprio nei frequenti e solenni mid-tempo (“Queen Of The Serpents”, “House Of The Wind”) che il gruppo piemontese sembra dare il meglio: qui viene sprigionata in maniera tangibile l’imponente potenza canalizzata da rituali e invocazioni appartenenti a determinate ancestrali tradizioni spirituali.

Seppure con le dovute differenze, la prova vocale di Dipsas Dianaria lascia rimembrare echi del periodo con Cadaveria, nonostante una migliore versatilità esca allo scoperto nell’esecuzione delle parti pulite (“Chapter III”, “The Moon Goddess”) . Sarebbe forse valsa la pena sfruttare maggiormente questa soluzione, poiché in tali momenti la talentuosa artista riesce a calarsi ottimamente nella parte della sacerdotessa invocante, donando ulteriore spessore emozionale all’insieme.

Dopo uno Strix – Maledictae In Aeternum non proprio eccelso e a tratti un po’ zoppicante, The Gospel segna un punto di ottima qualità per gli Opera IX, i quali dimostrano così che, a trent’anni dalla propria nascita, hanno ancora cose interessanti da dire. Un album che guarda alle origini con rinnovata ispirazione e che probabilmente soddisferà ampiamente gli ammiratori del gruppo piemontese.

Facebook Comments