PATHOGEN – Ashes Of Eternity

PATHOGEN – Ashes Of Eternity

 
Gruppo: Pathogen
Titolo: Ashes Of Eternity
Anno: 2017
Provenienza: Filippine
Etichetta: Old Temple
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Cinis Aeturnus
  2. Apocryphal Visions
  3. Burning In Abysmal Ruins
  4. Deathvomit
  5. A Graven Frost
  6. Into The Endless Grey
  7. Genetic Threat
  8. Necrolatric Sorcery
  9. Crematorial Destiny 
DURATA: 45:45
 

A distanza di cinque anni dall'ultimo passaggio su Aristocrazia, i filippini Pathogen tornano a farci visita. La formazione di Willie Desamero e soci ha fatto molta strada: dopo "Gryphon" (2012), ben nove uscite sono state rilasciate tra demo, split, compilation e album. "Ashes Of Eternity" è il quarto lavoro di lunga durata e nel 2017 ha visto la luce con il sostegno dell'etichetta polacca Old Temple.

Se c'è una cosa di cui sono certo è che i ragazzi battono una strada notissima e percorrono quei sentieri tracciati dalla vecchia scuola death metal, utilizzando una proposta che a livello musicale e atmosferico si presenta marcia e morbosa. Dal punto di vista compositivo essa si alimenta dei più classici elementi del genere, mostrando lievi (ma riscontrabili) miglioramenti, continuando così a farsi ascoltare piacevolmente.

La produzione è sporca e violenta. Rispetto al passato invece si nota una immissione di sonorità provenienti dal panorama scandinavo maggiore, che va ad arricchire il ventaglio di nomi che fanno da influenza. La conoscenza approfondita del mondo death metal e tanto olio di gomito bastano infine a far sì che tracce come "Apocryphal Visions", "Deathvomit", "A Graven Frost", "Into The Endless Grey" e "Crematorial Destiny" inneschino una insalubre ma godereccia serie di scapocciate.

"Ashes Of Eternity" è l'ennesimo atto discografico che i Pathogen, in qualità di puri e devoti sostenitori del mondo death metal, offrono in pasto ai loro simili. Un'opera ideale per chiunque trascorra le proprie giornate immerso in torbidi e putridi scenari, contrassegnati dal verbo della Morte.

Facebook Comments