PRIME EVIL – Evilution

PRIME EVIL – Evilution

Informazioni
Gruppo: Prime Evil
Titolo: Evilution
Anno: 2012
Provenienza: U.S.A.
Etichetta: Infernö Records
Contatti: facebook.com/real.prime.evil
Autore: Mourning

Tracklist
1. Crucifixion Aftermath
2. Barbarick Rites
3. Evilution Decree

DURATA: 08:22

È evidente che per una moltitudine di formazioni non troppo fortunate negli anni Ottanta e Novanta l’avvento di un revival di massa così sponsorizzato dalle uscite di etichette maggiori, e che ha coinvolto in maniera sempre più massiccia l’underground, sia divenuto il pretesto positivo per riprendere i lavori da dove erano stati interrotti. Tale ragionamento vale anche per gli statunitensi Prime Evil, riunitisi nel 2010 dopo ben diciotto anni di fermo.
Il quintetto death/thrash di New York produsse tre demo (“Prime Evil”, “The Manifestation”, “Industry”) e il singolo “Terminal Dementia” nel lustro compreso fra il 1987 e il 1992, dopodiché il nulla: soltanto una compilation commemorativa intitolata “Unearthed” nel 2002 che racchiudeva in sé tutto il materiale, rilasciata dalla Battlezone, label ormai chiusa da tempo e adesso?
Adesso la formazione è così composta: Andy Eichhorn alla voce, Mike Usifer e Steve Levin alle chitarre, Will Escolano al basso e Billy Wasweiler alla batteria, sarà quella definitiva? Non si sa ancora, in questi mesi c’è stata più di una girandola di cambi, ciò che sappiamo con certezza è che la band ha rilasciato un ep di tre tracce intitolato “Evilution” e al tempo i componenti non erano i medesimi.
La tracklist contiene poco più di otto minuti di musica, lo stile è retrò, è evidente come il sound sia influenzato dal background storico della band, si percepiscono in un paio di occasioni reminiscenze dei Death allo stato embrionale, dei Malevolent Creation e degli Obituary. È quindi di un death/thrash pesante, carico e dall’impatto aggressivo e arcigno che si fanno portatori e nell’opener “Crucifixion Aftermath” lo confermano, tanto che sono decisamente orientato a non modificare l’idea fattami sinora sui Prime Evil, del resto è palese che pestare e innescare violenza sembra essere ciò che riesce loro meglio. Dopo aver allentato la presa in “Barbarick Rites”, infatti assestano la bastonata che rimette in riga la situazione con la conclusiva “Evilution Decree”.
È ancora presto per sbilanciarsi, quale sarà il futuro del combo? E chi lo sa, intanto son rientrati in gioco e questo probabilmente interessa ai fedeli e veterani ascoltatori/compratori di uscite del genere. Dovremo comunque attendere per capire se un nuovo ep o un full-lenght siano i possibili passi che i newyorkesi intraprenderanno, noi siamo qui pronti a ricevere notizie in proposito, speriamo solo non trascorrano altri diciotto anni.

Facebook Comments