PROTEAN – The Burning Centuries

 
Gruppo: Protean
Titolo: The Burning Centuries
Anno: 2015
Ristampa: 2016
Provenienza: Lettonia
Etichetta: Heathen Tribes
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Hannibal
  2. The Black Army
  3. Bringer Of Fear
  4. The Longships Are Burning
  5. Swordwraith
  6. Vella Rekis
  7. Sorcerer Baron
DURATA: 45:38
 

Come accaduto con i Vonülfsrëich di "Spell Of Thunder", mi ritrovo a scrivere di un'uscita che è già passata su Aristocrazia. Si tratta di "The Burning Centuries", album di debutto dei lettoni Protean recentemente immesso nuovamente in circolazione in formato cassetta dalla Heathen Tribes. All'interno della formazione milita il cantante-chitarrista Edmunds Vizla, membro dei sottovalutati e sconosciuti ai più Frailty.

Il black metal della band è moderno e discretamente imbastardito, ma prodotto in maniera ruvida in stile vecchia scuola. Una costante vena epica si fa largo anche nell'approccio battagliero e fiero dei testi, incentrati sia su realtà storiche come il condottiero cartaginese Annibale Barca, sia su leggende e folclore, come il barone stregone sceso a patti con il diavolo di "The Sorcerer Baron" («The lord of our land has made a pact with! / A pact with the devil himself! / Through evil magic his power is strong, everyone fears him!»).

La prestazione dei Protean è onesta e non aggiunge nulla a una prova di genere che spinge quando deve, concedendo spazio a soluzioni atmosferiche e melodiche ben assestate, penso alle chitarre limpide che ammorbidiscono e rendono malinconica "The Longships Are Burning" o all'ingresso in scena della chitarra acustica e all'utilizzo della voce pulita nella successiva "Swordwraith". Questa ristampa insomma non riserva sorprese, lasciandosi tuttavia ascoltare con piacere.

"The Burning Centuries" può nuovamente accompagnarci, questa volta girando su nastro, aspetto che per qualcuno potrebbe divenire ancora più invitante, soprattutto se instancabilmente alla ricerca di quel tocco ulteriormente old school che anche ai giorni nostri non guasta. Magari arriverà l'acquisto: pensateci su!

Facebook Comments