PUTERAEON – The Requiem

 
Gruppo: Puteraeon
Titolo:  The Requiem
Anno: 2008
Provenienza:  Svezia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Reverbnation  Last.fm

 
TRACKLIST

  1. The Requiem
  2. Whispers Of The Dead
  3. Into The Deep
  4. City Of Living Dead
  5. Wasteland Horror
  6. Re-Animation
  7. Haunted Spirits
  8. Of The Twilight
  9. Graverobber
DURATA: 31:41
 

La scena scandinava death metal continua a popolarsi di nuovi e validi gruppi proprio come i Puteraeon, nome magari noto a pochi, ma che cela in formazioni membri di Nominon, Thorium e Inverted. "The Requiem" è il secondo dei demo pubblicati sinora, in totale sono tre, ma che in realtà di demo ha poco, esperienza, padronanza dello stile e prove dei singoli molto ben realizzate la dicono lunga.

Cosa ci si poteva aspettare da loro se non un omaggio a quello che è il suono della madre patria Svezia? Si viene letteralmente investiti da nove tracce dal gusto fine anni Ottanta – inizio Novanta influenzate dai classici grandi del genere e da realtà forse meno note come Megaslaughter o Altar, realtà che molti hanno iniziato a riscoprire grazie al lavoro svolto da Daniel Ekeroth.

Chitarre che ronzano come motoseghe e che trovano il momento giusto per attimi d’apertura melodica e un paio di esecuzioni soliste ben eseguite, un growling malsano ed una batteria prorompente e dinamica danno valore a brani come "The Requiem", "Whispers Of The Dead", "Wasteland Horror" e la conclusiva "Graverobber".

Il disco scorre fluido, le sezioni più lente che caratterizzano una parte delle prima ondata del death europeo (Asphyx, Grave e Dismember) permettono di rilasciare una sprezzante cattiveria che pari ad un fitto alone si spande nell'etere. La produzione stessa, per quanto lievemente imperfetta, non è quella di un demo casalingo, i suoni sono ben equilibrati, pompati al punto giusto, ciò da una spinta notevole alla resa di brani.

Se amate il genere puro ed incontaminato non fatevi scappare le prove di questi ragazzi: genuine, oneste e fottutamente death metal!

 

Facebook Comments