Pyra - Pyra | Aristocrazia Webzine

PYRA – Pyra

Gruppo: Pyra
Titolo: Pyra
Anno: 2022
Provenienza: Italia
Etichetta: Immortal Frost Productions
Contatti: Facebook  Bandcamp  Instagram  Spotify
TRACKLIST

  1. Omen
  2. Barren Earth Dug
  3. In A Thousand Different Voices
  4. Abandoned Shrines Of Light
  5. Eternal
DURATA: 25:50

Passati sotto la lente di Extrema Ratio #38, gli italiani Pyra debuttano con un EP omonimo di cinque tracce di death metal dalle atmosfere cimiteriali e affogato nel black. Considerata la produzione e lo spirito che anima il trio, questo primo breve ma intenso lavoro rappresenta quasi un unicum nel repertorio della Immortal Frost.

Già, perché la creatura di Lorenza (Psychotomy, Stench Of Profit e Dead Chasm), oltre a non suonare troppo pulita né melodica e né ipertrofica, propone un death metal personale e cattivissimo. Un po’ Teitanblood, un po’ Grave Miasma, un po’ dissonante, la musica dei Pyra non è immediatamente collegabile a un nome in particolare, tra quelli che ci sono in giro, ma crea un amalgama grezzo e putrido che funziona e che suona come la sintesi perfetta dei generi succitati.

Pyra inizia con i due minuti elettronico-sulfurei di “Omen”, ideali per ambientarsi nel clima catacombale che permea l’EP e che ci viene vomitato addosso con violenza da “Barren Earth Dug”. Violenza che continua a ritmi un filo meno sostenuti su “In A Thousand Different Voices” che, pur diminuendo il numero di giri, non allenta la presa. “Abandoned Shrines Of Light” sciorina varietà e dinamismo infarcendo il tutto con una dose generosa di dissonanze, mentre alla conclusiva “Eternal” il merito di giocare forse ancora meglio con la dicotomia veloce-lento senza che un carattere escluda l’altro.

Mani in faccia, ma sporche di terra e di corpi in decomposizione. Questo primo rantolo firmato Pyra convince per personalità e prova dietro agli strumenti: alla batteria c’è il quasi ubiquitario Gionata Potenti, occhio.