qqqØqqq - A Lustrum Before Revelations

qqqØqqq – A Lustrum Before Revelations

Gruppo:qqqØqqq
Titolo:A Lustrum Before Revelations
Anno:2021
Provenienza:Italia
Etichetta:Toten Schwan Records / Contemplatio / Casetta / È un brutto posto dove vivere
Contatti:Facebook  Bandcamp  Spotify
TRACKLIST

  1. R.I.H.T.M.A.
  2. A Lustrum Before Revelations
  3. Hypothesis
DURATA:44:00

Band italiana dal moniker alquanto singolare, i qqqØqqq arrivano dal Veneto e A Lustrum Before Revelations segue a distanza di quattro anni Burning Stones Of Consciousness. In realtà il titolo non sembra riferirsi tanto allo stacco temporale rispetto al debutto, quanto piuttosto al fatto che la nuova opera sia stata registrata nell’ormai lontano 2015. A volte può accadere che, per vari motivi, dischi anche di ottima fattura non riescano a vedere la luce in tempi brevi. Fortunatamente, Toten Schwan Records, coadiuvata da altre etichette quali Casetta, È un brutto posto dove vivere e Contemplatio, è riuscita a riportare in auge questa nuova (nel senso di inedita) testimonianza sonora dei Nostri. In questo lasso di tempo, i qqqØqqq non sono certo rimasti con le mani in mano: si ricordi il concerto di qualche anno fa di supporto ai Nadja, band di riferimento per sonorità drone-sperimentali, o lo split Sins And Destiny Revelations Under A Buried Sun con il progetto turco Kaosmos, pubblicato a novembre 2019.

Approcciarsi ad A Lustrum Before Revelations potrebbe non essere scontato. Appena tre tracce suddivise in circa tre quarti d’ora di musica, infatti, possono sembrare a prima vista uno scoglio, a maggior ragione se unite a un genere non esattamente radiofonico come il drone-ambient. Certe obiezioni sul minutaggio, tuttavia, qui non hanno motivo di esistere, perché l’idea sonora dei qqqØqqq non può essere compressa né tantomeno imprigionata all’interno di convenzioni musicali tipiche degli ambienti mainstream. La proposta del duo Tommaso Busatto-Carlo Mantione assomiglia più a un flusso continuo: per fare un paragone filosofico, i qqqØqqq sono un po’ come la dottrina di Eraclito e Cratilo secondo cui non ci si può bagnare due volte nello stesso fiume. Πάντα ῥεῖ, «tutto scorre» diceva Eraclito (o meglio, è il celebre aforisma a lui attribuito): significa che ogni cosa è sottoposta alla legge del mutamento e cambia di continuo, come un fiume che prosegue nel suo corso, appunto. A Lustrum Before Revelations, nel suo lento e inesorabile percorso riflessivo, ricorda proprio questa massima, facendo del minimalismo sonoro bandiera e vanto. Sarebbe però ingiusto ridurre il combo veneto a questo, senza citare i beat di batteria dal sapore tribale, le aspre chitarre di Mantione, gli avvolgenti synth di Busatto. Impossibile poi non dar risalto alla soave voce femminile di La Piuma, ospite in “R.I.H.T.M.A.” e “Hypothesis”, il cui apporto conferisce una nota ancora più atmosferica e spirituale all’album.

Va poi anche citato il non secondario contributo offerto dai membri dei Murmur Mori, band folk davvero interessante che mi sento di consigliare soprattutto per Radici, disco che ai tempi dell’uscita (2017) ho divorato. Mirko Volpe si è infatti occupato di registrazione, mixing e mastering, oltre ad aver suonato, in qualità di ospite, synth addizionali e percussioni. L’altra componente, Kuro Silvia, si è dedicata invece all’aspetto visuale del disco (artwork e fotografia). Anche il digipak, tra l’altro, appare minimale ma curatissimo, molto in linea con la filosofia e l’estetica dei qqqØqqq. In particolare, l’immagine in copertina è intitolata Bucorvo Nilgau dalla serie Chimere Impagliate, dedicata a creature immaginarie create con doppie esposizioni su pellicola in bianco e nero.

Per concludere, ci troviamo di fronte a un’opera intimista, introspettiva e intelligente, dove nessun dettaglio è lasciato al caso, come un puzzle in cui ogni tassello risulta perfettamente incasellato. A Lustrum Before Revelations può essere una colonna sonora adeguata per la meditazione, per trovare pace e ristoro mentale: una ricetta vincente, quella dei qqqØqqq, ideale per sognatori e avidi esploratori sonori sempre alla ricerca di nuove proposte.

Facebook Comments