QUADRIVIUM – Adversus

QUADRIVIUM – Adversus

Informazioni
Gruppo: Quadrivium
Anno: 2008
Etichetta: Soulseller Records
Autore: Mourning

Tracklist
1. A Sophic Fire
2. Works Of Glory
3. Svartamaal
4. Haust
5. Principal Cognizance
6. Nordover
7. Into The Void
8. Is
9. Ettertid

DURATA: 39:57

QUADRIVIUM - Adversus
Quando mi sono ritrovato per le mani il disco dei Quadrivium il monicker non mi ha convinto granchè ma data la nazione da cui provengono mi son fidato.
Questi norvegesi infatti per fortuna poco hanno a che fare con gente che crede sia thrash o altre realtà per ragazzini convinti di suonare metal.
La band si regge quasi in toto sulle spalle del polistrumentista Erlend Antonsen compositore oltre che della musica anche delle liriche e in questo primo album accompagnato da Sven-Ivar Sarassen al basso e Lars Jensen alla voce.
Un disco di avantgarde/symphonic black metal che si muove sulle trame già stilate da gente come Arcturus o da band più sperimentalmente classiche nello stile come potrebbero essere gli Age Of Silence (Hellhammer/Lazare in line up).
Nel suo complesso il platter non è malvagio, purtroppo al cospetto delle realtà citate vive di una carenza di base nel soundwriting poco dinamico e ancora troppo rozzo non definindo bene le sfumature.
Le tastiere si ricamano un posto d’onore nelle composizioni ma un drumming per quanto buono troppo plastificato e le linee di basso di una linearità pura e semplice ne demoliscono il valore.
Certo è vero che le potenzialità ci sono e vengono fuori in brani come l’opener “A Sophic Fire”, “Svartmaal”, l’acustica “Haust” e le buone “Principal Cognizance”, “Nordover” o “Into The Void” ma è troppo poco, spunti sparsi che non fanno mai decollare a dovere un album che poteva e doveva essere meglio assemblato.
A favore hanno una produzione che rasenta la perfezione e la prova vocale di un Lars Jensen ispirato sia nelle fasi di scream ed ancor più nelle clean dove per alcuni versi ricorda Lars Nedland/Lazare e Garm non tanto per la tonalità quanto per l’atmosferica teatralità dell’esecuzione.
In futuro ripartendo da queste basi e con la coscienza acquisita di possedere le armi giuste su cui puntare possono sicuramente far maturare le idee che hanno composto questo primo atto evolvendosi in una creatura più solida e personale che potrebbe sorprendere positivamente.
Non ci resta che attendere gli sviluppi nel frattempo un ascolto è giusto darlo anche per rendervi conto di quello che vi trovate dinanzi e dare il vostro personale parere.

Facebook Comments