Redimoni - On The Brink Of Existence

REDIMONI – On The Brink Of Existence

Gruppo:Redimoni
Titolo:On The Brink Of Existence
Anno:2021
Provenienza:Spagna
Etichetta:Autoprodotto
Contatti: Facebook  Twitter  Youtube  Bandcamp  Instagram  Spotify  Soundcloud
TRACKLIST

  1. As The Soul Leaves The Body
  2. Death Shall Come To Us All
  3. Der Tag Der Rache
  4. Ancient Buried Secrets
  5. Axes
DURATA:17:49

Con oltre vent’anni di onorata carriera alle spalle, gli iberici Redimoni possono essere tranquillamente definiti come veterani della scena locale, anche al netto di una discografia piuttosto scarna. In questi due decenni, infatti, i Nostri hanno dato alle stampe due album e una manciata di uscite minori, l’ultima delle quali — uno split con i connazionali Graveyard — risalente addirittura al lontano 2014. Non è assolutamente un male, anzi, preferisco di gran lunga pochi lavori fatti come si deve a una logorrea musicale senza arte né parte.

Registrato nell’ottobre dello scorso anno, quasi a voler celebrare il proprio ventennale, e rilasciato a gennaio, On The Brink Of Existence è l’ultima fatica dei thrasher barcellonesi. Autoprodotto e distribuito da Blood Fire Death, l’EP si compone di cinque brani per un totale di quasi diciotto minuti di thrash metal senza compromessi.

Le coordinate stilistiche dei Redimoni si possono tracciare facilmente sin dalle prime battute dell’episodio di apertura, “As The Soul Leaves The Body”. Dopo una intro costruita intorno a riff secchi e decisi, sostenuti da un muro impenetrabile di batteria, dal sapore decisamente slayeriano, la band vira su sonorità più tipiche del thrash teutonico. Una fascinazione, quella per la scena tedesca, che sublima in “Der Tag Der Rache”, letteralmente il giorno della vendetta, il cui testo è interamente scritto nella lingua di Goethe. La traccia seguente, “Ancient Buried Secrets”, segna invece un riavvicinamento al continente americano, con alcune soluzioni che ricordano gli Overkill. Tra gli elementi che ho particolarmente apprezzato, c’è il modo in cui il cantante è stato in grado di modificare il proprio stile vocale, optando di volta in volta per quello più adatto al singolo brano. Una scelta che dona ulteriore vivacità all’opera, solleticando piacevolmente l’orecchio dell’ascoltatore.

Dedicato alla memoria di Hartmuth “Blackgoat” Schindler, proprietario dell’etichetta tedesca Barbarian Wrath scomparso prematuramente nel 2019, On The Brink Of Existence è un disco veloce e suonato piuttosto bene. Un tributo sincero tanto alla scuola statunitense quanto a quella germanica che, pur non brillando particolarmente per originalità, ha saputo intrattenermi e divertirmi.

Facebook Comments