RIBBONS OF EUPHORIA – Ribbons Of Euphoria

 
Gruppo: Ribbons Of Euphoria
Titolo: Ribbons Of Euphoria
Anno: 2016
Provenienza: Grecia
Etichetta: Symbol Of Domination Productions
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Incidence Of Truth
  2. A Jester And The Queen
  3. The Druids Are Rising (To The Forefront Once More)
  4. Smokin' N' Spittin'
  5. Mindful Of Dreams
DURATA: 43:20
 

Di tanto in tanto ci capita di imbatterci in dischi che vengono fuori più o meno dal nulla, come nel caso del quartetto greco Ribbons Of Euphoria. Inizialmente pubblicato in formato digitale a fine 2014, "Ribbons Of Euphoria" attira l'attenzione di una delle più improbabili case discografiche — la Symbol Of Domination (sotto-etichetta della russa Satanath Records, specializzata in metal estremo) — per l'uscita dell'edizione fisica che arriva nell'estate 2016. La stranezza di questa combinazione è presto detta: il complesso greco suona rock dalle influenze blues di forte stampo settantiano, non esattamente il pane quotidiano della Satanath.

Con "Incidence Of Truth" veniamo lanciati immediatamente in un mondo tutto fatto di Deep Purple, Uriah Heep e Jethro Tull, con melodie che sembrano uscite direttamente dal 1972, anche e soprattutto nelle tastiere di Thanos Karakantas e nello stile vocale di Stavros Zouliatis. La dimensione mistica e semi-fantasy della musica rock di quegli anni viene messa in gioco nella sognante suite "A Jester And The Queen" (dove spicca anche l'uso del flauto) e in "The Druids Are Rising", prima del pezzo più schiettamente blues e diretto "Smokin' N' Spittin'" (in cui possiamo goderci l'intreccio tra la chitarra di Nick Poulakis e la batteria di Thanasis Stroggylis). Sulla scia dei Led Zeppelin, le danze si chiudono con la lunga e atmosferica "Mindful Of Dreams", che va a terminare un interessante viaggio indietro nel tempo costituito da cinque brani molto competenti.

La copertina è una sorta di caos universale in bianco e nero in cui si incrociano luoghi, linee temporali, illusioni, apparentemente senza soluzione di continuità, anche questo alla maniera di alcune grafiche dell'epoca (che però erano molto più colorate solitamente). Se siete fan del genere, i Ribbons Of Euphoria potrebbero fare decisamente al caso vostro; se altrimenti pensate che gli anni '70 stiano bene dove sono, il consiglio è di rivolgere altrove la vostra ricerca. Si tratta sicuramente di una mossa coraggiosa da parte della Symbol Of Domination, che ha aggiunto al catalogo un lavoro molto lontano dalle sue coordinate abituali.

Facebook Comments