RISE OF MALICE – Rise Of Malice

 
Gruppo: Rise Of Malice
Titolo: Rise Of Malice
Anno: 2011
Provenienza: Grecia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook  Myspace

 
TRACKLIST

  1. Silent Echoes
  2. The Forest Of Mist
  3. Bones To Dust
  4. Bloodshed
  5. Withstand The Fall Of Time [cover Immortal]
DURATA: 20:57
 

Vi avevo parlato proprio la settimana scorsa per la prima volta dei Rise Of Malice, quest'oggi è tempo di dedicarmi al loro secondo demo, realizzato nel 2011. Si tratta ancora di cinque tracce totali, suddivise sempre in tre pezzi veri e propri, una intro (nell'altra occasione invece avevamo a che fare con un intermezzo) e una cover. Le novità più importanti sono essenzialmente due: l'entrata in formazione del batterista NecroAcherontas e il previsto rilascio di questa uscita a inizio 2012 come tape su War Productions.

Il suono rimane ovviamente un black metal a chiara ispirazione old school anni '90, con un influsso leggero di formazioni quali Sargeist e Behexen per quanto attiene alla componente satanic. Sia in "The Forest Of Mist" che "Bones To Dust" e "Bloodshed" sono presenti degli stacchi che arrestano e sospendono l'atmosfera per tratti più o meno lunghi, coerente con questo tipo di soluzione è poi la cover di "Withstand The Fall Of Time". Dai Darkthrone omaggiati in "Coronation Of Liar" si passa quindi agli Immortal, dal suono più grezzo e viscerale all'epicità del cuore dell'inverno, il senso di questa scelta è difficile da cogliere (intendo dire che fatico a individuarlo, non che sia assente): che la band abbia in programma di rendere più articolata la proposta?

In realtà i brani del repertorio degli Ellenici restano sulla falsariga di quelli proposti un anno prima, fortificati però dalla presenza di un batterista in carne e ossa che rende più compatto e coerente il sound in fase ritmica, azzerando del tutto la leggera sensazione di artificiale presente in precedenza. A livello generale inoltre è stato trovato un miglior equilibrio fra le varie componenti in sede di produzione, ora più delineate e chiare, anche lo scream risulta meno distorto e primitivo, come provenisse da una caverna; una nota va spesa perfino per il basso che non fa il timido, cosa per nulla scontata in ambito black metal. Si tratta di dettagli, non fraintendetemi, i Greci non hanno ancora un suono stile Abyss Studio.

Per la seconda volta perciò mi trovo a ribadire che i primi (o dovrei dire secondi) passi dei Rise Of Malice sono piacevoli, per nulla originali e molto semplici, però di buona compagnia per chi cerca sempre un certo feeling con la musica, a dispetto della novità a tutti i costi o della trovata appariscente ma che poi non resiste alla prova del tempo; volete un paio di esempi? Dragonforce in campo mainstream o Abigail Williams, per citare le prime due band che mi vengono in mente. Nel frattempo ai cultori toccherà munirsi di mangianastri…

Facebook Comments