SACRILEGIOUS THRONE – Acts Of Apostasy

SACRILEGIOUS THRONE – Acts Of Apostasy

Informazioni
Gruppo: Sacrilegious Throne
Titolo: Acts Of  Apostasy
Anno: 2011
Provenienza: Inghilterra
Etichetta: Autoprodotto
Contatti: myspace.com/sacrilegiousthrone
Autore: Mourning

Tracklist
1. Acts Of Apostasy
2. Lying Dormant
3. Spreading The Swarm
4. Creating Eternal Darkness

DURATA: 23:12

Dall’Inghilterra arrivano i Sacrilegious Throne, il duo che vede Horkos alla chitarra e al basso, Awrath alla voce e nel ruolo di curatore dei testi, supportato nell’uscita del mini debutto “Acts Of Apostasy” dal batterista degli October File, John Watt, si presentano come una creatura black metal dai tratti moderni e molto ben prodotta e con un basso che si può semplicemente apprezzare in tutto il suo continuo pulsare.
Quattro brani per quasi venticinque minuti di musica, questo è ciò che ci danno in pasto, soluzioni che richiamano in più d’un occasione realtà scandinave quali Dimmu Borgir e Immortal, dissonanze che pescano dal repertorio di Satyr confluiscono scandendo l’incedere dei pezzi riconoscibili già nell’opener e titletrack e confermati nella maggiormente frenetica “Lying Dormant”.
Molto piacevoli e maligni i frangenti in cui la ritmica tende ad allentare la presa, vedasi ciò che avviene nella parte centrale del terzo pezzo “Spreading The Swarm”, sfruttando invece una carica dirompente nelle esecuzioni più pungenti e sprigionanti una robusta e varia prova strumentale, qualità epresse ampiamente nella conclusiva “Creating Eternal Darkness”.
Decisamente “inquadrata” la prestazione dietro al microfono di Awrath, buoni gli innesti solistici e l’operato dietro le pelli del guest John, dinamico e prestante, a cui va ad aggiungersi un songwriting non particolarmente innovativo ma efficace.
Sono in possesso di un passo sicuro i Sacrilegious Throne, certo c’è da spogliarsi della presenza sin troppo ingombrante degli act citati e chissà che in un breve arco di tempo non si possa già avere occasione d’ascoltare una release full che ci dia la possibilità di saggiarne definitivamente le reali potenzialità.
Nell’attesa vi consiglio di dare un ascolto ad “Acts Of Apostasy” e di segnarvi il monicker, non sia mai dovesse sfuggirvi di testa.

Facebook Comments