SANGUINARY MISANTHROPIA – Loathe Over Will

SANGUINARY MISANTHROPIA – Loathe Over Will

Informazioni
Gruppo: Sanguinary Misanthropia
Titolo: Loathe Over Will
Anno: 2012
Provenienza: Australia
Etichetta: Supremacy Through Intolerance
Contatti: facebook.com/pages/Sanguinary-Misanthropia/364695460753
Autore: Mourning

Tracklist
1. Revelations 16: 4-6 (Ritual Opening)
2. Devil Everlasting
3. Bellum Ad Internecionem
4. Loathe Over Will
5. And I Smite Thee
6. The Spirit If The Lord Strives Not With Man Because He Is Of The Flesh
7. Sanctification Via Sin
8. The Unholy Sun Rises On The Evil
9. Arise O Warrior Spirit! (Ritual Closure)

DURATA: 1:08:12

Vi ricordate degli australiani Sanguinary Misanthropia? Se la risposta è no, v’invito a controllare il listone delle recensioni nel quale troverete quelle di “Diabolic Gnosis”, “Et Lux Perpetua Luceat Eis” e della versione promo di “Loathe Over Will”, quest’ultima conteneva tre tracce dell’album omonimo che finalmente è stato partorito.
Mi trovo adesso perciò nella condizione di poter scrivere di quello che è il debutto ufficiale in formato full-lenght.
C’hanno messo un po’, un paio di volte si è rimandato, la stesura dei brani ha forse rubato più tempo del dovuto fatto sta che il platter contiene quasi un’ora e dieci di musica marchiata a ferro e fuoco dall’ombra nera e maligna dell’orda black nord europea ed è una bestemmia in note che randella alla grande.
Il trio composto da Unbeliever (voce e chitarra), Innominandum (basso) e Arcana (batteria) sprofonda negli abissi infernali, il sound è devoto allo stile scandinavo privo di compromessi che passa dalle opere di Mayhem e Marduk arrivando sino alla composizioni di stampo “religious” di gente come Ondskapt, Funeral Mist e Watain, il tutto è contaminato da una componente death blasfema dilagante e qui qualcuno potrebbe anche chiamare in causa gli Angelcorpse, male non ci starebbero.
“Loathe Over Will” è un’immersione senza sosta in laghi di zolfo, vomito d’odio e una collera assassina che la musica riflette con scansioni in accelerazione assillanti, che non lasciano scampo alla mente d’immaginare un percorso alternativo, è un presagio oscuro dilagante che si realizza nei contesti in cui il decelerare permette alla bestialità dei brani di acquisirne il comando, non c’è tregua, solo la parvenza di attimi di respiro che vengono soffocati dalla malevolenza sprigionata.
Le costruzioni dei brani arrichite dal modo in cui s’impongono le cadenze melodiche ossessive, cupe e impenetrabili, vengono a volte avvalorate da una irruenza mascolina, avviene in pezzi come “Bellum Ad Internecionem” e “The Unholy Sun Rises On The Evil”; altre invece aggregandosi a una carovana funerea dall’andatura incerta che rallenta o impazzisce improvvisamente, vedasi la titletrack; in altre ancora acquisendo ridondanza ed epicità, in questo caso tocca nominare “Devil Everlasting” e “The Spirit If The Lord Strives Not With Man Because He Is Of The Flesh”.
I musicisti non mollano mai la presa e pretendono di trascinarvi con loro nei meandri più reconditi di un territorio nel quale la blasfemia regna sovrana e il giogo della religione non esiste, non è permesso a quell’oppio espandersi, viene annullato dalla veemenza prodotta dalle sonorità caustiche riversate nell’album e magistralmente interpretate dalla voce luciferina di Unbeliever.
Le idee chiare esposte nell’intervista, leggetela per capire a cosa mi stia riferendo, il legame indissolubile con la natura prima del Black Metal priva di corruzione e di affievolimento d’intenti a favore d’infiltrazione esterne sonore e non, una proposta che ruota su cardini consolidati e su di un messaggio tutt’altro che pacifico fanno sì che “Loathe Over Will” volutamente non sia un lavoro per tutti.
I Sanguinary Misanthropia sono come militari in guerra fedeli alla propria bandiera, vanno avanti, costantemente avanti non prendendo con sé ostaggi e a riprova di tale affermazione hanno confezionato un platter che smantella qualsiasi “se” o “ma” prima che venga pronunciato.
Ora la vera domanda è: accetterete questo “no compromise”? A voi la risposta, nel frattempo do un’altra bella passata a “Loathe Over Will”.

Facebook Comments