SEAMOUNT – Sacrifice

SEAMOUNT – Sacrifice

 
Gruppo: Seamount
Titolo:  Sacrifice
Anno: 2010
Provenienza:  Germania
Etichetta: The Church Within Records
Contatti:

Facebook  Youtube

 
TRACKLIST

  1. The Ancient
  2. Ocean I Call You
  3. The Mountains Will Know My Name
  4. Standing In The Rain
  5. 40000 Fathoms
  6. Stardust
  7. Gettin Through
  8. Sacrifice
  9. Path To Legend
  10. Only Death Shall Do Us Part
DURATA: 58:50
 

Ci sono artisti che offrono garanzia di qualità solo col proprio nome, il signor Phil Swanson rientra decisamente in questa categoria di eletti. Il personaggio non può risultare sconosciuto ai famelici osservatori-fruitori del panorama heavy-doom, la militanza in gruppi quali Hour Of 13, Upwards Endtime e nella creatura epic Atlantean Kodex non è di sicuro passata inosservata, a queste grandi band potete e dovete aggiungere i Seamount giunti nel 2010 con "Sacrifice" al terzo album rilasciato.

Il quintetto di cui è il leader e frontman è rimasto identico dalla fondazione nel 2007 ad oggi, vede Tim Schmidt e Andy Kummer alle chitarre, Markus Stroehlein al basso e Jens Hofmann dietro le pelli, una formazione coesa e che ancora una volta è capace di regalare emozioni a profusione grazie a uno shakerare continuo di hard rock, doom e heavy metal.

Una scaletta talmente bella e sincera nell'animo che è difficile sceglierne la o le tracce portanti, si fa vivere senza cali né passaggi a vuoto, chi ha avuto il piacere d'ascoltare il precedente lavoro "Light II Truth" troverà quest'ultimo meno vario, più inquadrato e canonicamente osservante le linee guide della vecchia scuola con il surplus però di ancor più spiccata personalità e classe che donano ai pezzi il valore di gioielli, sì dieci piccoli diamanti incastonati in un'unica corona.

Se l'aspetto degli arrangiamenti e la prestazione vocale di Phil li ritengo praticamente indiscutibili per la bontà e la naturalezza impiantate, doti che permettono a "Sacrifice" di farsi mandare on air a più riprese, è il comparto delle sensazioni atmosferiche che intensifica la voglia di riprendere incessantemente la musica dei Seamont, l'aria si satura di fraseggi che emanano sapori agrodolci, è una sorta di melancolica presenza che ciclicamente urta l'animo con toni esalanti greve serietà e ricordi mesti che conducono a una sfida ancora da affrontare e vincere.

Sarò anche di parte, lo dico senza pormi troppe paranoie, dei vari progetti in cui risiede la figura di Phil, i Seamont sono quelli che preferisco, inquadrano al meglio ciò che è l'essenza del doom inteso come fato, quella forza che costringe l'uomo a confrontarsi con una vita che non dovresti voler prevedere, perché nel bene o nel male è l'incerto che la rende unica.

Con "Sacrifice" hanno raggiunto la vetta, il monte sottomarino ha rilasciato un disco da inserire assolutamente all'interno della lista degli acquisti obbligatori da fare: straconsigliato!!!

Facebook Comments