SEDNA – O

 
Gruppo: Sedna
Titolo: O
Anno: 2011
Provenienza: Italia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Oblio
  2. Spiral
  3. Taedium
  4. Rain On The Sun
DURATA: 20:18
 

I Sedna sono un gruppo romagnolo, formato nel 2009 e arrivato quest'anno alla pubblicazione del primo demo autoprodotto intitolato "O". Tra le varie informazioni di rito nella sezione grafica spicca questa frase: «We are falling underground in the eternal abyss of reborn». Perchè metto in evidenza queste parole? Perchè la proposta musicale sembra effettivamente coerente con la frase summenzionata, ciò che i Sedna vogliono farci vivere potrebbe davvero essere una caduta senza fine nell'abisso.

Il disco prende il via con "Oblio", composta principalmente da un'angosciante apertura arpeggiata (la quale poi si trasformerà in una breve quanto violentissima sfuriata) che mi ha portato alla mente in qualche modo, soprattutto per l'atmosfera che genera, quell'inquietante e pesantissimo concentrato di pece che prende il nome di "Monotheist", canto del cigno degli immortali Celtic Frost. "Spiral" e "Taedium" si presentano invece come una mistura compatta e monolitica di Black Metal battagliero e opprimenti influssi Doom; qui, seppur con le dovute cautele, in qualche misura mi è sembrato di poter udire qualche rimando agli Altar Of Plagues di "White Tomb". Il punto massimo del disco l'ho però individuato nella conclusiva "Rain On The Sun", una composizione davvero devastante, a causa della spietata e marziale ferocia con cui viene eseguita, intervallata da un uso di melodie che, invece di far crollare miseramente la struttura edificata (come talvolta accade), la rinforzano ulteriormente, grazie al carico emotivo che portano in grembo e grazie al loro ottimo inserimento.

Tutto ciò avviene in circa venti minuti di musica, venti minuti in cui gli strumentisti ci attanagliano il cervello con i loro assalti (con ogni tipo di arma) e in cui il cantato di Alex ci vomita in faccia senza pietà il messaggio di cui si fa portatore. Peraltro, contando che il disco è un autoprodotto, la registrazione è molto buona e si adatta davvero benissimo alla proposta musicale.

Insomma, un ottimo inizio per i Sedna che, se continueranno su questa strada, potranno senza dubbio portare buoni frutti nella scena nazionale. Personalmente, se fossi in voi, non mi farei ripetere due volte la mia esortazione a tenere seriamente d'occhio questi ragazzi: ne vale la pena!

Facebook Comments