SELCOUTH – Heart Is The Star Of Chaos

 
Gruppo: Selcouth
Titolo: Heart Is The Star Of Chaos
Anno: 2017
Provenienza: Internazionale
Etichetta: I, Voidhanger Records
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Strange Before The Calm
  2. Nightspirit
  3. Gaia
  4. Querencia
  5. Of Hopes And Lost Treasures
  6. Below Hope
  7. Sunless Weather
  8. Flying Canopies
  9. Rusticus
DURATA: 47:33
 

I Selcouth sono un mega-gruppo — perché super- non bastava — composto da ben dodici musicisti provenienti da varie parti del mondo e da diverse band: tra gli altri, sono presenti membri di Pryapisme, As Light Dies, Stagnant Waters, Aegri Somnia e l'intera formazione dei Khanus.

L'affascinante copertina a cura di Katrine Lyck ci presenta "Heart Is The Star Of Chaos", album di debutto del progetto costituito da un Metal avanguardistico e progressivo, nel quale l'influenza esterna principale è indubbiamente il Jazz, presenza costante in ogni strumento. È una sorta di circo degli orrori, dove giocolieri e acrobati prendono in mano gli strumenti e trasformano i propri numeri acrobatici nei loro corrispettivi musicali.

Le ritmiche elaborate e arricchite da numerosi fill, le chitarre dissonanti e disarmoniche, le atmosfere visionarie ricreate dalle tastiere, la variegata vocalità arcturusiana e solefaldiana dei sei (sì, sei) cantanti, le poesie di Jukka "Koba" Ylisyvanto usate come testi: ogni elemento fa pensare che i musicisti ce la mettano tutta per creare qualcosa di bizzarro e teatrale; e ci riescono, indubbiamente il disco suona surreale dall'inizio alla fine. Ciò che, purtroppo, non realizzano è un'opera realmente coinvolgente.

Chiariamoci: i personaggi coinvolti dimostrano pienamente di essere ottimi artisti, le loro performance sono ineccepibili sia dal punto di vista tecnico che da quello della varietà e della personalità. Anche l'atmosfera psichedelica e carnevalesca dell'album, in generale, è stata centrata in pieno e i diversi elementi trovano il proprio posto anche in un contesto così eccentrico. Al di là dell'indubbio fascino, tuttavia, c'è bisogno di sostanza nei brani ed è esattamente ciò che manca: le tracce sembrano scivolare via senza destare troppo interesse.

È una sensazione veramente pessima: succede davvero di tutto traccia dopo traccia, eppure è come se non stesse accadendo nulla. In alcune occasioni sembra che le voci e gli strumenti siano in una costante lotta per catturare l'attenzione dell'ascoltatore, senza che nessuno riesca a prevalere: forse c'è talmente tanta carne al fuoco che il tutto diventa eccessivo, o forse ci sarebbe bisogno di maggiore chiarezza sulla direzione dei brani, che non riescono mai realmente a decollare. Sta di fatto, però, che l'album — pur non risultando troppo pesante o noioso — non suona nemmeno così sorprendente come vorrebbe e dovrebbe. Per carità, nessuno vuole che un lavoro sperimentale e avanguardistico sia di facile ascolto e io per primo tendo a criticare un certo modo troppo sempliciotto di intendere l'Avantgarde Metal; d'altra parte, tuttavia, il rischio di questo genere è proprio quello di perdere di vista l'obiettivo principale (creare musica interessante) in favore di chissà quali numeri da circo.

Potrei essere sembrato fin troppo aggressivo verso i Selcouth, ma tutto sommato "Heart Is The Star Of Chaos" non è completamente da buttare; quella che è una mera sufficienza, però, pesa quanto un'insufficienza per un disco così ambizioso e che genera un certo tipo di aspettative, soprattutto considerando i musicisti coinvolti e il grande impegno con cui hanno lavorato.

Facebook Comments