SERPENT ASCENDING – The Enigma Unsettled

 
Gruppo: Serpent Ascending
Titolo:  Enigma Unsettled
Anno: 2011
Provenienza:  Finlandia
Etichetta: I, Voidhanger Records
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. The Mournful Pilgrimage – Part 1
  2. Saturnal
  3. The Human Ladders
  4. The Mournful Pilgrimage – Part 2
  5. The Entwinement
  6. World Of Flesh On Bone
  7. Serpent Ascending
  8. The Enigma Unsettled
  9. Endless Initiations
DURATA: 33:33
 

Se c'è una cosa che mi fa rabbrividire è il valutare i dischi senza entrarvi dentro, senza provare ad andare oltre la schematica delle composizioni musicali o peggio ancora dando un ascolto alla cazzo e dicendo: ok, album canonico, sei e via.

I Serpent Ascending li avevamo già incrociati, avevo avuto il piacere di chiacchierare tramite email con Jarno Nurmi mentore del progetto e di scrivere la recensione del demo eponimo rilasciato nel 2009. L'artista finlandese conosciuto per la sua presenza in band quali Slugathor, Nerlich, Nowen e Desecresy ha raggiunto un accordo con un'etichetta nostrana, la I, Voidhanger, seria, preparata su quello che è l'underground più tetro e ritualistico e che si è messa a disposizione con volontà e rispetto della proposta da lui curata, ciò che questo connubio ha partorito è analizzabile e assolutamente godibile nell'album di debutto intitolato "The Enigma Unsettled".

Perché lodare così quest'accoppiata? Perchè leggendo ciò che ho trovato in rete per informarmi su tale uscita ho notato un pressapochismo disarmante, non so quanto abbiano fatto girare o meno nel lettore questo disco, non so quanta attenzione sia stata prestata a un artwork dai toni foschi, minacciosi, inquadrante perfettamente il percorso oscuro intrapreso in passato e divenuto ancor più sinistro e inesorabilmente lastricato di pietre nere. Ciò che posso assicurarvi è che quest'uscita è tutt'altro che l'ennesima prestazione standard di una qualsiasi band death metal, è l'essenza stessa dei pezzi a fare la differenza.

Certo le coordinate stilistiche che avevano segnato in maniera palese il demo rimangono invariate, assumono però una maggiore densità e un aspetto cinereo sia nelle movenze classicamente death, sia in quelle tendenti ad aumentare l'apporto groove e le profondità esplorate grazie a varianti al limite col doom, in egual maniera è stata mantenuta quella forma melodica che serpeggiando striscia malevola. La coerenza nel portare avanti un suono e una determinata impostazione mentale correlata a un pensiero indirizzato a un viaggio esoterico non può che essere un punto a favore dei Serpent Ascending.

In termini prettamente musicali il death metal con cui ammorbano l'ascoltatore è quanto di più marcio, elementarmente bello e intrigante un appassionato di old school possa ritrovarsi fra le mani, è arrangiato e studiato per entrare in contatto con la parte più istintiva e libera del genere e soprattutto come si fa a non accorgersi del netto cambio di marcia all'interno della scaletta? Sì, perché "Enigma Unsettled" sembra diviso in due: dalla traccia posta in apertura "The Mournful Pilgrimage – Part 1" a "The Entwinement" abbiamo a che fare con il lato più recitativo e insano, arrivati alla sesta "World Of Flesh On Bone" — e quindi alla sezione che riprende le canzoni inserite nella demo adesso fornite di una produzione di livello decisamente superiore — le ritmiche divengono più frenetiche dando libero sfogo alle sensazioni carnali, se ne saranno resi conto alcuni ascoltandolo? Da ciò che ho avuto il dispiacere di leggere assolutamente no, perché dare attenzione a simili stupidaggini, non sia mai.

"The Enigma Unsettled" è ciò che gli anni Ottanta e Novanta c'hanno lasciato in eredità, è quel death metal suonato con esecuzione naturale, privo di forzature in cui sono escluse sovrastrutture in fase compositiva e nell'operato dietro il mixer che rendono freddi, omogenei e sin troppo già sentiti tantissimi dei cloni che ci offrono prove in stile vecchia scuola che poi tanto vecchia scuola non sono. Mettete da parte qualsiasi pregiudizio, mettete da parte la mentalità usa e getta di moda odiernamente e prendetevi il tempo per aprire un varco nella dimensione dei Serpent Ascending, se è vero che siete amanti dell'epoca d'oro e delle sue introspezioni più maligne non vi esenterete dall'acquistarlo.

Facebook Comments