SEVERANCE – The Truth In Question

SEVERANCE – The Truth In Question

Informazioni
Gruppo: Severance
Anno: 2011
Etichetta: Sevared Records
Contatti: www.myspace.com/severancemetal
Autore: Mourning

Tracklist
1. Euthanized
2. Beyond Barriers
3. Internal Inferno
4. Marred Souls
5. Ambivalent Reflections
6. Ascension To Nowhere
7. Immune To Immorality
8. Marching Over Blood / Samurai (Attomica cover)
9. Hum-unkind

DURATA: 35:36

SEVERANCE - The Truth In Question I Severance fanno parte di quella folta schiera di band nata sul finire degli anni Ottanta, a inizio anni Novanta si sono limitati a produrre demo, rilasciando roba più sostanziosa nella seconda metà di quella decade con l’ep “Salvation Denied” per poi giungere alla benedetta prima release nel nuovo millenio con “What Lies Ahead….”.
Con cadenza quinquennale da quell’album la band, che vede solo Jaime Perez reduce dalla line-up che la mise in piedi, ha pubblicato altri due lavori, “Suffering In Humanity” e “The Truth In Question”, quest’ultimo sotto una Sevared Records più attiva che mai.
Le date e il tempo devono significare davvero poco per la formazione, siamo nel 2011 ma i texani si presentano con un death ruvido e marcio nel quale il fronzolo non è contemplato nelle strutture dei pezzi, fatti per lo più da riff non troppo complicati e puntanti su una forma genuina d’impatto, sensazione che viene confermata da un drumming dannatamente pestato.
Detto in parole molto povere sembra di essere tornati intorno al 1991/1992 quando le band sfornavano dischi fatti per esprimere la passione e la dedizione verso un genere che è uno stile di vita, “Internal Inferno”, “Marred Souls”, “Immune To Immorality” così come il resto delle tracce si lasciano ascoltare senza problemi, ovviamente in tanti potranno storcere il naso per un modo di presentare un platter così scarno anche in ambito di produzione, mi chiedo perché una volta queste seghe mentali di massa non ce le facevamo (o almeno non costantemente come avviene odiernamente)?
Probabilmente lo standard digitalizzato ha ammosciato anche l’identità di chi spesso s’identifica in questo genere pretendendo una resa elevata anche da produzioni come un “The Truth In Question” che per rappresentare la sua essenza deve invece suonare così: duro, rognoso, imperfetto, in pratica primordialmente death metal.
Non male la scelta di coverizzare “Marching Overblood” e “Samurai” brani dei brasiliani Attomica contenuti nell’omonimo debut del 1987, una chicca di sicuro anche se le versioni originali fanno tutt’altro effetto.
E’ death metal niente di più, niente di meno ciò che i Severance vi faranno ascoltare in “The Truth In Question”, se questo vi basta un passaggio nello stereo male non vi farà di sicuro, se invece ricercaste giovani Malmsteen, ritornelli catchy, old school act che suonano lindi come il culo di un neonato e sound che dal vivo non potrete udire mai e poi mai, rivolgete tranquillamente lo sguardo in altra direzione.

Facebook Comments